GEOforALL – Rilasciato il primo smartphone al mondo provvisto di ricevitore GNSS a doppia frequenza

Xiaomi ha lanciato il primo smartphone GNSS a doppia frequenza al mondo. Equipaggiato con un chip Broadcom BCM47755, Xiaomi Mi 8, è il primo smartphone al mondo a offrire precisione decimetrica.Il BCM47755, introdotto l’anno scorso, è un chip GNSS a doppia frequenza (E1 / L1 + E5 / L5) in grado di calcolare la posizione con una precisione fino a pochi decimetri. Fino ad ora, le applicazioni mobili basate sulla posizione sono state alimentate da ricevitori GNSS a frequenza singola la cui precisione di posizione è limitata a pochi metri. Tuttavia, negli ultimi anni i sistemi GNSS hanno lanciato satelliti che trasmettono segnali su nuove frequenze per aprire nuove possibilità. Nello specifico, Galileo ha la maggior parte dei satelliti con capacità di frequenza E1 / L1 ed E5 / L5.

Sorgente: GEOforALL – Rilasciato il primo smartphone al mondo provvisto di ricevitore GNSS a doppia frequenza

Annunci

GEOforALL – Volare: quarant’anni di foto aeree dall’archivio Aeronike

Ideata e realizzata da Compagnia B, la mostra Volare nasce dalla volontà di rendere per la prima volta accessibile e fruibile al pubblico una selezione di foto aeree dall’archivio storico dell’Aeronike srl attraverso una mostra fotografica e multimediale con applicazioni e supporti tecnologici innovativi: sistemi di visualizzazione in stereoscopia e in Realtà Virtuale, ricostruzioni 3D, mappe navigabili, giochi didattici, mappe digitali e una piattaforma in cui i fotogrammi delle immagini aeree verranno resi disponibili anche in formato digitale e consultabili con i supporti elettronici.

Sorgente: GEOforALL – Volare: quarant’anni di foto aeree dall’archivio Aeronike

Della Lana e della Seta in cammino tra Bologna e Prato

Al via il nuovo trekking che attraversa l’Appennino collegando la città di Bologna alla città di Prato.

“Della Lana e della Seta” è un evento itinerante lungo l’omonima Via della Lana e della Seta, il nuovo itinerario che attraversa l’Appennino collegando la città di Bologna alla città di Prato. Un trekking che attraversa paesaggi incredibilmente selvaggi e altri connotati dalla splendida archeologia industriale, legata alle lavorazioni tessili, a partire dalle due grandi opere idrauliche ‘gemelle’ della Chiusa di Casalecchio e del Cavalciotto di Prato.

Sorgente: Della Lana e della Seta in cammino tra Bologna e Prato

Wikimedia Italia e il Museo Galileo celebrano insieme Leonardo da Vinci

Forse un’intera enciclopedia non è sufficiente a contenere gli scritti che Leonardo da Vinci ci ha lasciato; i progetti Wikimedia possono però essere utili a raccogliere, sistematizzare e rendere accessibili al più ampio pubblico possibile

Sorgente: Wikimedia Italia e il Museo Galileo celebrano insieme Leonardo da Vinci

Il vento dipinto

È come la luce, inafferrabile e invisibile. Il vento lo senti sulla pelle e lo ascolti fischiare ma non puoi prenderlo e non puoi vederlo. Eppure è una forza potente: spazza i villaggi, soffia sui mulini, piega gli alberi e spinge le vele. È vita ed energia. Per questo il vento è considerato un dio fin dall’antichità.

Sorgente: Il vento dipinto

La donna etrusca: indipendente, libera, moderna e bellissima

Quando pensiamo allo stato della donna nelle civiltà antiche, nel nostro immaginario si profila la figura di una donna subalterna rispetto all’uomo, e il cui compito è soprattutto quello di curare le attività domestiche, o comunque di attendere a occupazioni tipicamente femminili. Non era così, invece, per la donna etrusca: nessun altra donna come quella etrusca godette di un grado tanto alto di emancipazione, libertà e autonomia. “Le donne etrusche”, ha scritto l’insigne studioso Jean-Paul Thuillier, “sapevano essere custodi del focolare”, ma allo stesso tempo erano in grado di “tenere a bada la folla di servi e domestici. Semplicemente, a differenza di Penelope e Andromaca, esse non si accontentavano di attendere pazientemente a casa il ritorno degli sposi, ma prendevano legittimamente parte a tutti i piaceri della vita”. L’alto livello di benessere economico della società etrusca fece sì che, già in età arcaica (dal sesto secolo avanti Cristo), il ruolo della donna avesse iniziato a subire delle modifiche: se prima le donne erano essenzialmente madri dedite alla cura della famiglia, a partire da quest’epoca cominciarono a “uscire” dalle mura domestiche per partecipare in maniera sempre più attiva alla vita pubblica.

Sorgente: La donna etrusca: indipendente, libera, moderna e bellissima