Il primo ginnasio ellenistico in Egitto scoperto a Philoteris

Interessante 🙂
grazie per la pubblicazione, che rilancio.

Il Fatto Storico

Una missione archeologica tedesco-egiziana ha scoperto il primo ginnasio ellenistico conosciuto in Egitto. Gli scavi hanno portato alla luce una pista da corsa e una palestra, oltre a giardini e altri luogi di ritrovo.

L’edificio si trovava nell’antico villaggio di Philoteris, odierna Medinat Watfa, a nord-ovest dell’oasi del Fayyum. Philoteris venne fondata nel III secolo a.C. dal macedone Tolomeo II, faraone d’Egitto, il quale le diede il nome di sua sorella Filotera.

View original post 334 altre parole

Annunci

Ambrogio Lorenzetti, la prima monografica del grande protagonista del Trecento – Finestre sull’Arte

Recensione della mostra ‘Ambrogio Lorenzetti’ a Siena, Complesso di Santa Maria della Scala, dal 22 ottobre 2017 al 21 gennaio 2018.

Sorgente: Ambrogio Lorenzetti, la prima monografica del grande protagonista del Trecento – Finestre sull’Arte

Il Cinquecento fiorentino, lascivo e devoto, a Palazzo Strozzi: molta sostanza oltre lo spettacolo – Finestre sull’Arte

Recensione della mostra ‘Il Cinquecento a Firenze. Maniera moderna e Controriforma’ a Firenze, Palazzo Strozzi, dal 21 settembre 2017 al 21 gennaio 2018.

Sorgente: Il Cinquecento fiorentino, lascivo e devoto, a Palazzo Strozzi: molta sostanza oltre lo spettacolo – Finestre sull’Arte

Ha fatto cose buone…

In questi tempi
di revisionismo,
di giornalisti che invitano ai loro talk show i neofascisti, in nome di una libertà d’espressione non a tutti concessa,
di un rilancio delle aggressioni,

ricordare il passato è doveroso.
Buona domenica 🙂

Sisohpromatem (Marco Vignolo Gargini)

23130629_2238504322842307_1362968484627626361_n

View original post

Abdul, mio fratello

Sisohpromatem (Marco Vignolo Gargini)

salamm

fonte: http://www.luccaindiretta.it/capannori-e-piana/item/106059-dalla-miseria-alle-torture-in-libia-il-dramma-di-salam.html

   A volte esco a fare una passeggiata, ma non mi piace stare tra la gente. Una volta ho chiesto informazioni perché non conoscevo la strada, la gente si è allontanata perché aveva paura di me. La gente ha paura di me perché non mi conosce – dice ingenuamente – Al supermercato una volta ho battuto senza volere il braccio contro un signore, ho chiesto scusa e mi ha offeso guardandomi male. Gli avevo solo toccato il braccio.

    Consiglio la lettura di questo bel brano di giornalismo, a firma Giulia Prete, comparso oggi sul sito http://www.luccaindiretta.it. Non è soltanto la storia di un profugo proveniente dalla Sierra Leone, è anche la vicenda umana di una persona che sta lottando da anni per la propria sopravvivenza. Brani come questo andrebbero fatti leggere a scuola, in un contesto dove spesso il presente storico, con tutte le sue implicazioni socio-politiche…

View original post 22 altre parole