Trivelle nello Ionio? Fermatevi!

La domanda è: la posta in gioco è sufficiente per rischiare la distruzione di un ecosistema?

Essere Sinistra

notriv01

di Mario GALLINA

Dalla Magna Grecia ad oggi non è cambiato niente!
La Calabria è sempre terra da colonizzare e da rapinare anche in modo violento.

Ecco i fatti:

1) Con il decreto «Sblocca Italia-Italia Fos­sile» Il governo Renzi ha di fatto san­cito la libera­liz­za­zione di estrazione del petrolio sul territorio italiano saltando i pareri delle amministrazioni locali di qualsiasi livello compresa la V.I.A. (valutazione dell’impatto Ambientale);

2) La zona interessata è un’area dell’Alto Ionio Cosentino, riconosciuta universalmente come bacino di beni naturalistici e culturali e quindi con vocazione turistica di alto valore.
Al fine di inquadrare il territorio, stiamo parlando della zona degli scavi di “”Sibari” e all’interno del golfo di Corigliano, della “secca di Amendolara” conosciuta come il “banco di Amendolara”, patri­mo­nio di mito­lo­gica bio­di­ver­sità marina, indi­vi­duato anche come Sito di importanza comunita­ria, con un alto grado di vul­ne­ra­bi­lità per le praterie di posidonia ivi presenti.
La fascia…

View original post 331 altre parole

Mirco e Patric, ovvero: il coraggio di essere se stessi. Contro pregiudizi, leggi, convenzioni

D I S . A M B . I G U A N D O

Mirco e Patric

Mercoledì 25 marzo, alle Invasioni barbariche, è andata in onda una splendida intervista di Daria Bignardi a una coppia gay, intervista che andrebbe diffusa (come minimo) nelle scuole secondarie (di primo e secondo grado) e in università, perché mostra in modo limpido e diretto come il coraggio di essere pienamente e autenticamente se stessi in una relazione d’amore possa superare ostacoli di ogni tipo: distanze geografiche e anagrafiche, pregiudizi, convenzioni sociali, leggi nazionali e internazionali. Nessun cliché romantico, anzi: è una storia unica, singolare. Mirco, 47 anni, italiano di

View original post 184 altre parole

#LoveHasNoLabels, ovvero: i pregiudizi che pensavi di non avere e invece hai

D I S . A M B . I G U A N D O

Love Has No Labels - Logo

Da alcune settimane il video della campagna Love Has No Labels è fra i più visti al mondo. Girato a Santa Monica, in California, il giorno di San Valentino, è stato realizzato dall’agenzia di comunicazione R/GA per Ad Council, un’organizzazione non profit statunitense. Obiettivo: favorire e diffondere la comprensione e accettazione di tutte le persone, senza discriminazioni di razza, religione, etnia, orientamento sessuale, età, disabilità e/o capacità individuali. Per commentare il video bastano tre parole:

View original post 107 altre parole

La PEC: un prodotto made in Italy

APPUNTI DI ARCHIVISTICA

Mi voglio togliere un sassolino dalla scarpa: parliamo della PEC. Dovete sapere che mentre il resto del mondo comunica utilizzando il sistema dei Certificati Digitali, noi italiani usiamo uno standard artificioso e valido solo Italia.

Quando l’11 febbraio del 2005 uscì il DPR n. 68, “Regolamento recante disposizioni per l’utilizzo della posta elettronica certificata, a norma dell’articolo 27 della legge 16 gennaio 2003, n. 3” (G.U. 28 aprile 2005, n. 97), la PEC sembrava essere l’unica soluzione da adottare. Infatti solo con la legge n. 2 del 2009, “Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185, recante misure urgenti per il sostegno a famiglie, lavoro, occupazione e impresa e per ridisegnare in funzione anti-crisi il quadro strategico nazionale” (G.U. 28 gennaio 2009, n. 22, supplemento ordinario 14/L) viene meno l’obbligo della PEC e la possibilità di adottare anche sistemi alternativi.

le imprese costituite…

View original post 1.705 altre parole

Disastro scuola: tutto in una notte

Essere Sinistra

Dietro-la-lavagna

di Vincenzo SODDU

“chi è fuori è fuori, ciao ciao” (Matteo Renzi, presidente del Consiglio dei Ministri della Repubblica Italiana)

Lo scorso mercoledì notte, una settimana fa, è stato perpetrato uno strappo grave alla democrazia.
Per diversi motivi. Vediamo quali.

Nel DDL Scuola presentato il 12 marzo scorso al Consiglio dei Ministri, infatti, rimane poco o niente dei contenuti di quella bozza programmatica o documento progettuale, come preferisce che si chiami il Nostro Presidente (parliamo della Buona Scuola), su cui siamo stati chiamati appena sei mesi fa a dare un parere, e di cui avevo già delineato le criticità a Dicembre dello scorso anno.

Paradossalmente, anzi, proprio l’unico aspetto soddisfacente, benché scontato, di questa sorta di carta costituzionale della scuola è stato eliminato. Con un colpo di mano, poche ore prima della presentazione del disegno di legge. Per oscuri motivi che in quanto tali lasciano attoniti chi da quella…

View original post 814 altre parole