Mantenere la calma contro la testardaggine dei tiranni

Rilancio questo messaggio di Tsipras, pubblicato su blog Essere Sinistra.
E’ importante conoscere fino a dove si spinge l’oppressione liberista.

Essere Sinistra

deciso

Alexis Tsipras parla al popolo greco. E noi continuiamo a riportare integralmente le sue parole. Perchè la nostra stampa e la nostra politica non lo fa.

Ecco il suo discorso di domenica 28 giugno.

La Redazione

______________________________________

[Grazie a Daniela Sansone per la traduzione da Left.gr e dal sito del Governo greco]

La decisione di ieri dell’Eurogruppo di non approvare la richiesta del governo greco per l’estensione del programma e dare al popolo greco la possibilità di decidere con un referendum sulle istituzioni a pochi giorni dell’ultimatum rappresenta una sfida senza precedenti per gli affari europei, un’azione che cerca di sbarrare il diritto di un popolo sovrano di esercitare la sua prerogativa democratica.

Un alto e sacro diritto: la manifestazione del parere.

La decisione dell’Eurogruppo ha spinto la BCE a non aumentare la liquidità alle banche greche, e ha costretto la Banca di Grecia a raccomandare la…

View original post 310 altre parole

Il fiero NO vuol dire dignità

Essere Sinistra

koronakis

di Tasos KORONAKIS

[traduzione italiana dell’articolo pubblicato su LEFT.gr di Aurelio Lentini e Amalia Kolona]

La proposta dei creditori al governo greco è un ultimatum volto all’annientamento del popolo greco. Il governo non ha avuto il mandato di continuare la disumana politica del memorandum e di austerity.

Sarebbe un atto immorale se il governo accettasse la proposta dei creditori ignorando la volontà del popolo greco. Dall’inizio noi abbiamo ribadito che saremmo stati “originali” (nel senso che gli altri governi sono stati molto poco originali n.d.t.) e che avremmo rispettato senza riserve il mandato ricevuto.

È arrivato il momento in cui non esiste più spazio per le mezze parole, e c’è bisogno di parlare chiaro.

Il sì alla proposta dei creditori vuol dire austerity e depressione economica, vuol dire stringere il cappio intorno al collo del Paese e della società. Il sì a questa proposta vuol dire maggiore disoccupazione…

View original post 305 altre parole

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: