L’imprenditore e lo speculatore. Due soggetti differenti

Ho letto e propongo questo articolo, molto interessante ed esplicativo della situazione.

Essere Sinistra

squali

di Mario GALLINA

A proposito delle imprese e degli imprenditori italiani vorrei sottolineare un concetto sul quale, credo, ci siamo ormai cristallizzati, trascurandone il senso vero e profondo, e per questa” distrazione” la nostra società continua su una china che porterà sempre più danni e tensioni sociali.

In Italia viene definito imprenditore (a norma dell’articolo 2082 del Codice Civile) «chi esercita professionalmente un’attività economica organizzata al fine della produzione o dello scambio di beni o di servizi».
Senza troppe elucubrazioni, cercando l’aiuto della “dea sintesi”, diciamo che l’attività che l’imprenditore attua deve essere economica, quindi redditizia con il fine però della produzione di beni o servizi e, solo intesa sotto questo profilo, essa interessa tutta la società che ne trae beneficio “arricchendosi”nel suo complesso.

Premesso ciò, si comprende come non può essere il fine unico dell’imprenditore quello di aumentare il suo capitale, quindi la mera speculazione finanziaria, perchè…

View original post 670 altre parole

Come progettare e realizzare un cambiamento sociale e politico? Alcune risposte dal Festival delle comunità del cambiamento

D I S . A M B . I G U A N D O

Aspirazioni alte e buone ispirazioni

Sabato 13 e domenica 14 giugno si terrà a Bologna, a Palazzo Re Enzo, la seconda edizione del Festival delle comunità del cambiamento, organizzato da Rena. Gli obiettivi del Festival sono molto ambiziosi. Nei loro termini: «esplorare e formulare insieme nuove pratiche e visioni di futuro per stimolare le comunità del cambiamento e fare in modo che possano acquisire maggiore impatto sulla società e maggiore peso sul piano del dibattito pubblico». Il programma dei due giorni bolognesi è ricchissimo:

View original post 145 altre parole

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: