Il Grande Fratello vuole ricattare la Grecia. Ma Tsipras cambia canale (e la legge sulle TV)

Tutto il mondo è paese … I grandi proprietari dei mezzi di informazione vogliono gestirli, e non pagare, come piace a loro.

Essere Sinistra

Alexis Tsipras, Nikos Pappas, Gabriel Sakellaridis,

di Argiris PANAGOUPOLOS

I grandi baroni dei mezzi di informazione hanno reagito alla proposta di legge che cerca di mettere fine all’etere selvaggio, corrotto e compiacente ai poteri forti minacciando migliaia di licenziamenti nel settore radiotelevisivo. Pensano che così metteranno i lavoratori del settore contro il governo, che secondo loro pone in pericolo il loro business perché pretende che sia arrivata l’ora, dopo 25 anni, che le radiotelevisioni private paghino per l’uso delle frequenze e poiché la legge proposta pone regole del funzionamento del settore garantendo il bene pubblico dell’informazione, il pluralismo, la qualità dei programmi e naturalmente la sopravvivenza delle società del settore con i loro conti trasparenti e alla luce del sole.

Una legge che può “costare” ai banchieri, armatori, costruttori e faccendieri che hanno la proprietà dei canali fino a 300 milioni.

Da parte loro i baroni minacciano che è meglio chiudere le società piuttosto che… garantire…

View original post 1.101 altre parole

Annunci

Autore: Pietro Barnabe'

Restauratore artigiano di: opere d'arte, arredi lignei fissi e mobili, materiale lapideo anche decorato e dipinto, materiale etnografico.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...