LibreItalia con GNULug Perugia a Fa la cosa giusta! – LibreItalia

Dal 2 al 4 ottobre presso Umbria Fiere di Bastia Umbra si svolge la fiera del consumo critico e degli stili di vita sostenibili “Fa la cosa giusta! Umbria” alla quale LibreItalia parteciperà insieme all’associazione amica GNULug Perugia. La fiera, alla sua seconda edizione in Umbria, si propone come vetrina per tutto ciò che riguarda il consumo […]

Sorgente: LibreItalia con GNULug Perugia a Fa la cosa giusta! – LibreItalia

La Volkswagen E’ lo spirito del capitalismo

Alcune notizie, spesso trascurate, ma che è meglio conoscere.
Buona giornata.

Essere Sinistra

capitalismo

di Francesco BORGHESAN

Mentre stavo leggendo su Il Fatto Quotidiano l’articolo di Loretta Napoleoni “Volkswagen, il gigante del capitalismo ha mentito ai suoi clienti. Avanti il prossimo“, mi sono venute in mente alcune considerazioni su uno scandalo che non lo è. Quello del gruppo Volkswagen è il modus operandi delle corporation capitaliste e dei loro manager.

Loretta Napoleoni definisce correttamente “delinquenti”, i vertici della VW.
Io evidenzio che servirebbe tenere una precisa distinzione tra gli uomini a capo dell’azienda, dall’azienda stessa. Gli uomini vanno rimossi e severamente sanzionati, anche penalmente. Altro che dimissioni del Presidente, c’è almeno tutta la prima linea gerarchica che va processata. L’azienda va tenuta in vita e deve continuare a produrre per garantire lavoro, occupazione e reddito. La sanzione amministrativa dovrebbe realizzarsi nella confisca temporanea dell’azienda per un congruo lasso di tempo e la riconsegna agli azionisti dopo che sono stati coperti, maggiorati delle…

View original post 785 altre parole

Competenza e politica. Non confondiamo e non confondiamoci

Cultura e sapere non sono necessariamente connessi al curriculum scolastico; non sono una o più lauree a contribuire alla saggessa personale.

Essere Sinistra

keep-calm-and-andate-a-zappare

di Giandiego MARIGO

Si sta diffondendo, anche in molta pseudo-sinistra, l’opinione che per essere validi “rappresentanti del popolo” si debba essere forzatamente laureati, bilaureati, magari masterizzati. Questa opinione legata ad un errato concetto di competenza si estende, gradualmente, anche a altri ruoli nella politica.

È una stoltezza e per giunta è anticostituzionale. Essere bi-tri laureati spesso significa solo essere rimasti più tempo in mano alla manipolazione sistemica e, nella stragrande maggioranza dei casi odierni, non significa nemmeno avere una cultura superiore e men che meno specialistica.

Questa assurdità è stata via via accolta senza critica ed ha ottenuto solo di separare per sempre e sempre più la politica dalla realtà riducendola a mera professione e giustificando così la sua mostruosa remunerazione.

Significa fraintendere nello specifico dell’analisi marxista il termine “politico di professione”, riducendolo alla “professione della politica” che è altro. Significa negare la possibilità, per esempio di una…

View original post 132 altre parole

Per ricordare Pietro Ingrao

Ingrao ci ha lasciato;
molti dei nodi evidenziati in questo suo intervento di 49 anni fa, ancora sono da sciogliere. Nonostante i rapporti di forza tra le struttur in campo siano notevolmente cambiati, dobbiamo cercare di risolvere queste problematiche, per un rilancio delle iniziative e della proposta di una sinistra incisiva e capace di modificare realmente le condizioni attuali.

Essere Sinistra

Pietro-Ingrao

Intervento al XI Congresso – 27 gennaio 1966

Pietro Ingrao

delegato di Firenze

Compagne e compagni, il rapporto del compagno Longo ha richiamato con forza l’attenzione nostra e del partito sulla crisi di governo che è in atto.

Siamo tutti consapevoli che tale crisi non è un qualsiasi incidente e trae origini da questioni non marginali.

Certo: essa è legata alla lotta di potere nella DC, e ha visto scendere in campo, nella vicenda della scuola materna, soprattutto la destra clericale, ma non solo essa: e la stessa destra clericale è scesa in campo perché sapeva che esistevano altri problemi ed altre dissidenze, collegate a fatti  di  vasta portata.

Quali sono questi fatti?  1) L’unificazione fra PSI e PSDI, che apre alla DC, su terreni non ancora  definiti, problemi  di  concorrenza con la nuova forza socialdemocratica nei riguardi  di  determinati strati e gruppi sociali. 2) Le modificazioni avvenute negli orientamenti …

View original post 5.287 altre parole

Il restauro: materiali, il legno

Riprende oggi, come al solito saltuariamente, dopo una pausa di qualche settimana, la pubblicazione di scritti inerenti gli interventi di restauro. Inizio un’analisi sul materiale ligneo.

continua

Scandalo Volkswagen: il mito di un rigore aziendale e nazionale apparente

Essere Sinistra

merkel_volkswagen_460x275-455x272

di Marcello COLASANTI

Lo scandalo legato ai motori diesel Volkswagen, dove un software nella centralina del motore riconosce quando la vettura è sottoposta a controllo e, solo in questa fase, regola le emissioni secondo gli standard di legge – dato che tali motorizzazioni appartengono a tecnologie non recenti ma vendute come tali – getta nello sconcerto molte persone, soprattutto quelli che vedono nel marchio e nell’industria tedesca l’emblema della serietà e del rigore.
In realtà, c’è ben poco da stupirsi: da sempre il Gruppo Volkswagen, spesso in concorso con il governo tedesco e i lander federali, sono venuti meno alla famosa “serietà” teutonica.
Due casi sono piuttosto rilevanti.

Il più clamoroso è legato alla famosa “Legge Volkswagen”. Per blindare l’azienda da possibili scalate, soprattutto estere, una legge del 1960 disegnata appositamente per Volkswagen, limitava il peso del voto di ciascun azionista al 20%, anche se quest’ultimo deteneva una quota…

View original post 1.246 altre parole

Il Canada portato in giudizio per aver cercato di abbassare il prezzo del medicinale più costoso del mondo

http://vocidallestero.it/2015/09/26/il-canada-portato-in-giudizio-per-aver-cercato-di-abbassare-il-prezzo-del-medicinale-piu-costoso-del-mondo/

Colpo di Stato? Noi, peggio della Grecia

Essere Sinistra

colpodistato

– Qual è l’umiliazione più forte che subisce il lavoratore?

‘Che si decida senza che lui possa aprire bocca e discutere’.

Bruno Trentin risponde a Enzo Biagi, Dicono di lei, 1978

di Nello BALZANO

L’argine da superare era l’art. 18, da lì in avanti è stata, per il governo, una passeggiata.

Il “Totem” – la destra lo definiva così, ma era il baluardo di diritti e tutele concrete – da demolire per conto della Confindustria era quello. Ricordiamo quanti annunci e smentite, palleggi da una parte all’altra, Renzi che smentiva Alfano, Poletti, che confermava Alfano, Renzi che confermava entrambi, la vecchia guardia che osservava senza reagire, il Sindacato che non poteva immaginare che ciò sarebbe successo e viaggiava in ordine sparso: solo la CGIL ha provato una reazione un po’ più dura. Poi, la totale vittoria degli interessi dell’impresa e la totale sconfitta dei lavoratori.

Ripeto, risolta quella questione…

View original post 436 altre parole