Con BEE.CAMP l’apicoltura diventa digitale

Un ottimo esempio delle potenzialità delle tecnologie digitali, in tutti i campi, anche per la salvaguardia delle api.
Buona giornata.

OggiScienza

loyez74N7H56nyAJ1clBL4piOyQgc5NZlEzGVtyViGo
ATTUALITÀ – Nel 2015 la IUCN ha condotto il primo assessment di tutte le 1.965 specie di api selvatiche che vivono in Europa, scoprendo che se il 9,2% è già oggi a rischio estinzione, un altro 5,2% lo diventerà nel prossimo futuro. Si parla di una specie di ape su dieci, mentre oltre il 50% delle specie europee a noi note non è classificabile in termini di conservazione. Non ci sono dati a sufficienza. La grave situazione in cui versano le api (a livello mondiale) non è una novità e fortunatamente, anche su piccola scala, ci si sta muovendo per tutelarle: un esempio è la (ancora) piccola impresa trentina BEE.CAMP, una startup dell’incubatore green Progetto Manifattura che si propone, aiutando gli apicoltori, di tutelare anche le api.

Cos’è BEE CAMP? Una piattaforma interattiva che aiuta nella gestione delle attività apistiche, trasformandosi anche in una sorta di social network per…

View original post 733 altre parole

Annunci

Autore: Pietro Barnabe'

Restauratore artigiano di: opere d'arte, arredi lignei fissi e mobili, materiale lapideo anche decorato e dipinto, materiale etnografico.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...