Renzi, la disoccupazione giovanile e il sindacato

Lettura complessa, articolata ed approndita.
Buona lettura 🙂

Keynes blog

Matteo-Renzi-il-nuovo-e-gia-vecchio_h_partb

di Guglielmo Forges Davanzati *

Il tasso di disoccupazione giovanile, che riguarda individui di età compresa fra i 15 e i 24 anni, ha raggiunto, nell’ultima rilevazione ISTAT di giugno, il 44,2%, in aumento di 1,9% rispetto al mese precedente, raggiungendo il livello più alto dal primo anno di stima (il 1977). La rilevazione esclude i giovani inattivi, ovvero coloro che non cercano lavoro. L’ISTAT rileva che nell’ultimo anno, il tasso di disoccupazione complessivo è aumentato di 0.3 punti percentuali.

View original post 1.558 altre parole

Annunci

A Berlino c’è un popolo. Centinaia di migliaia contro il TTIP. Il trattato che uccide il diritto

Un’ottima valutazione degli accordi transatlantici, TTIP.
Buona lettura 🙂

Essere Sinistra

ttip.jpg_1718483346

di Luca SOLDI

Centinaia di migliaia di persone, 250mila sembra una cifra decisamente realistica, sono scese in piazza sabato a Berlino, in Germania, per protestare contro il Ttip.

Contro il Trattato transatlantico sul commercio e gli investimenti in corso di negoziato dal 2013 tra l’Unione europea e gli Stati Uniti.

Il governo di Berlino appoggia il trattato, ma i manifestanti, organizzati nella Confederazione dei Sindacati tedeschi (Dgb) e da tante associazioni, temono che l’accordo faciliterebbe l’ingresso di alimenti con OGM difficili da rintracciare, un maggiore utilizzo di pesticidi, riduzione dei diritti dei lavoratori e la concentrazione delle produzioni nelle mani di pochi.

View original post 455 altre parole

Software libero nel POF delle scuole – LibreItalia

Interessante e dettagliata questa analisi del software libero e del suo inserimento nei piani formativi scolastici.
Buona lettura 🙂

http://www.libreitalia.it/software-libero-nel-pof-delle-scuole/

Lo zampino di eBay nelle specie invasive

Un aspetto della comunicazione globale, poco conosciuto ed inquietante: la circolazione fuori controllo di specie vegetali invasive, ma anche animali e microrganismi loro connessi.
Buona lettura 🙂

OggiScienza

2574605536_fabe10c4d7_z

AMBIENTE – La palma di Fortune (Trachycarpus fortunei), le verghe d’oro (genere Solidago) e la balsamina (Impatiens glandulifera) sono piante ormai ampiamente diffuse anche in Europa ma arrivano dalla Cina, dalla Birmania, dall’Africa, dall’Himalaya. Giunte a noi come piante ornamentali si sono rapidamente trasformate in specie invasive, “scappando” in natura fino a minacciare, come succede oggi, la fauna nativa. Certo in quanto specie vegetali fanno meno notizia degli scoiattoli grigi che minacciano quelli rossi, dei gatti che sterminano la fauna selvatica o delle nutrie (al pari di quanto succede con il commercio illegale sul mercato nero) ma non per questo la situazione è meno spinosa.

Si parla di invasione biologica ed è in corso su ogni continente del nostro pianeta, incoraggiata soprattutto dal commercio che – complice Internet con le aste online – fa viaggiare specie invasive in giro per il mondo.

Per 50 giorni…

View original post 563 altre parole