L’architettura dell’accessibilità

Molto interessante questa iniziativa.
Buona lettura 🙂

OggiScienza

SENZA BARRIERE – Nove architetti di fama mondiale, molte idee innovative da realizzare e un’unica mission: cambiare la fisionomia dei luoghi e riprogettarli all’insegna dell’accessibilità. Parte da qui l’avventura di Design for All Italia, l’associazione no profit che dal 1994 diffonde la cultura della progettazione inclusiva nel nostro territorio e che, ora più che mai, con il progetto Archidiversity promette di abbattere le barriere e di rivoluzionare le logiche di utilizzo degli spazi.

“Tutto ebbe inizio un anno fa”, racconta ai microfoni di OggiScienza Giulio Ceppi, architetto progettista originario di Lecco, annoverato tra i responsabili dell’iniziativa. “Insieme all’ergonomo Luigi Bandini Buti e in collaborazione con Andrea Stella, il ragazzo con disabilità motoria che ha ideato il primo catamarano “senza barriere”, ho studiato e realizzato un autogrill unico nel suo genere e totalmente accessibile. Per toccare con mano i risultati del nostro lavoro basta percorrere l’autostrada A8…

View original post 904 altre parole

Annunci

Autore: Pietro Barnabe'

Restauratore artigiano di: opere d'arte, arredi lignei fissi e mobili, materiale lapideo anche decorato e dipinto, materiale etnografico.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...