ArtPills: La Tempesta

Una recensione completa e storicizzante.
Grazie per la sua pubblicazione, rilancio.
A presto.

LePassepartout

Giorgione_019 Giorgione (1477 ca. – 1510) – La Tempesta, Gallerie dell’Accademia (1505-1508)

“La Tempesta“, opera complessa, capolavoro di Zorzi da Castelfranco, più noto col nome di Giorgione, realizzata in un periodo che oscilla fra il 1505 e il 1508, due anni prima della sua morte che segnerà la fine di una breve e fecondissima vicenda artistica. L’opera qui descritta è fondamentale per comprendere le nuove istanze della pittura veneta, importante da un punto di vista strettamente tecnico e affascinante da un punto di vista iconografico, essendo il soggetto dell’opera ancora perlopiù oscuro nonostante i numerosissimi studi e le numerose interpretazioni avanzate nel tempo dai principali storici dell’arte. Provando a riassumerne alcune, il grande Salvatore Settis provò ad ipotizzare che la scena fosse animata da una grande allegoria di Adamo ed Eva con il piccolo Caino, cacciati dal Paradiso Terrestre rappresentato dal borgo in lontananza; o ancora una…

View original post 748 altre parole

Matisse, le sagome e un esercizio di fotografia

Sagome, ombre, applicate sui supporti sono elementi di realizzazione dell’opera artistica; e non sono una semplificazione degli interventi, come si potrebbe pensare.

Buona lettura 🙂

Sorgente: Matisse, le sagome e un esercizio di fotografia.

Sicurezza in rete.

Dopo una panoramica dei rischi che si incontrano in rete, vediamo come rendere più sicure le nostre connessioni.

Non dobbiamo mai dimenticare che la sicurezza in rete è un concetto relativo: non avremo mai la certezza assoluta, vedi anche l’articolo precedente, ma possiamo acquisire abitudini e comportamenti che possono portarci ad un livello accettabile di manenimento della nostra privacy; l’anello più debole della catena informativa è tra la poltrona e la tastiera: noi stessi.

Una prima soluzione: utilizzare software libero, con la possibilità di accesso al codice, possiamo analizzare come funziona1 oppure cercare la documentazione relativa ad esso in rete. Un altro fattore decisivo è  costituito dal mantenerlo sempre aggiornato all’ultima versione stabile: le comunità internazionali sono molto attive nella soluzione dei problemi riscontrati, quindi installando gli aggiornamenti si risolvono anche bug che sono stati evidenziati. Questo significa che è anche utile segnalare agli sviluppatori gli eventuali malfunzionamenti che si riscontrano, tutte le distribuzioni linux consentono di default il poterlo fare.

Se si utilizza software proprietario, abbiamo acquistato un computer o altro device con installato windows e non siamo in grado di sostituirne il sistema operativo, dobbiamo premunirci. Innanzitutto è consigliato installare un antivirus e mantenerlo aggiornato2. Solitamente, per un utilizzo casalingo, possiamo acontentarci del firewall in dotazione al router, preconfigurato dal fornitore del servizio. Dobbiamo però porre attenzione ad eventuali programmi che vogliamo installare. In questo caso, affidarci sempre ai siti del costruttore o consigliati/verificati da questi. Qualora volessimo installare qualcosa di nuovo, con una ricerca in rete possiamo acquisire informazioni che ci permettano di verificare attendibilità del fornitore e sicurezza del software.

sicurezza in rete,
immagine dal web

Quando ci connettiamo a siti interattivi che ci chiedono il login, ricordiamo di predisporre sempre password robuste: stringhe alfanumeriche con maiuscole e minuscole e segni di punteggiature di almeno 8 caratteri (l’ideale sarebbe 14-16), che non ripropongano parole di senso compiuto o reperibili su un qualsiasi dizionario, evitare date di nascita e non. Non usare a stessa password per siti diversi: non tutti la memorizza crittografata, e, se è in chiaro, l’amministratore la legge e può provare ad utilizzarla altrove. A volte i tentativi riescono ed accede a vostro nome dove non dovrebbe.

Anche oggi non voglio annoiare troppo e ci fermiamo: alla prossima.

 


[1] Non occorre essere programmatori, possiamo sempre rivolgerci a qualche professionista, in caso avessimo bubbi. Inoltre dobbiamo tenere presente che il FOSS è aggiornato continuamente dalle comunità che lo seguono, e, eventuali problemi o bug di sicurezza, vengono risolti in tempi brevi.
[2] Questo è evitabile su linux o macosx, sistemi dove l’utente non ha i permessi di amministratori, quindi la sua azione incauta non danneggia il sistema, ma i suoi soli dati personali.

Qubes OS

La comunicazione è importante, grazie per queste pagine che ci possona aiutare nella salvaguardia, per quanto possibile, della nostra sicurezza..

Ivan Zini

qube_logoContinuando sul tema della sicurezza informatica, Qubes OS è una distribuzione linux , free e open source (FOSS), che ha l’obiettivo di rendere sicuri desktop e laptops. Ma il concetto di sicurezza introdotto in Qubes OS travalica l’approccio tradizionale alla sicurezza di un qualunque sistema operativo, ovvero dotarsi di un buon antivirus e di un firewall software, non è più sufficiente a rendere un sistema immune sopratutto dai malware, che diventano sempre più sofisticati e che sfruttano le vulnerabilità e i bugs di molti software popolari.
L’approccio alla base di Qube OS è chiamato “security by compartmentalization“, che consente di lanciare ogni singola app (AppVMs) e software presente, tramite un istanza virtuale isolata e separata dal vero sistema, creando a tutti gli effetti dei template di  macchine virtuali dedicate per ogni applicazione che si utilizza, chiamati “domains”.

View original post 736 altre parole

Il tempo delle mele mature (Massimo Gramellini)

Chapeau a Sophie Marceau, per il suo essere controcorrente;
e grazie per questo articolo che rilancio.
Buon fine settimana 🙂

Triskel182

Sophie Marceau ha rinunciato alla massima onorificenza francese, la Legion d’Onore, perché nei mesi scorsi il presidente Hollande l’aveva consegnata di nascosto anche al principe ereditario dell’Arabia Saudita. In un mondo dove molti cultori del pensiero elastico sono disposti a lappare i glutei di una giuria intera pur di sgraffignare un premio di latta da esibire nelle loro tronfie biografie, l’idea che Marceau abbia scansato l’agognata corona per ragioni di principio suona arrogante, provocatoria, bizzarra. In una parola: meravigliosa. L’Arabia Saudita è stata definita con qualche ragione «un’Isis che ce l’ha fatta». Si tratta di una monarchia teocratica che ha partorito l’ala più oltranzista dell’Islam, quella wahabita, germe di tutti i fondamentalismi. Solo l’anno scorso ha ordinato 154 esecuzioni capitali, sottopone i dissenzienti a sedute pubbliche a base di frusta e mortifica le donne al punto che durante l’incendio di una scuola femminile la polizia religiosa impedì ad alcune studentesse…

View original post 95 altre parole

Le mani

Non è mia abitudine ribloggare poesie, che leggo, spesso con molto piacere; questa mi coinvolge moltissimo, tanto che la rilancio.
Grazie per averla pubblicata.
Buon fine settimana 🙂

Giuliana Campisi

Immagine reperita nel web Immagine reperita nel web

Guarda come sono grandi queste mani,
hanno trattenuto a lungo troppi sogni, 
troppi desideri, li stringevano forte 
tra le dita per non farli sfuggire, ma stringendoli 
si schiacciavano,  si sbriciolavano e diventavano 

polvere che volava via.
Vedi come sono sciupate, callose,
piene di segni, sono i pensieri che
hanno disegnato il loro percorso su 
di esse a loro memoria, le speranze
accarezzate tanto a lungo da consumare
la pelle, e i dolori che hanno saputo  scavare solchi 
per  incanalarsi e defluire senza intaccare la parte sana.
Sono forti queste mani, hanno stretto
a lungo catene d'amore che le hanno
scarnite, graffiate, tagliate e quando
se ne sono liberate si sono trasformate
in grandi ali per volare leggere
sui campi fioriti della liberta'.

Giuliana Campisi ©

View original post