La beffa dei voucher: così i precari Co.co.pro divennero ultra-precari (Virginia Della Sala)

Senza parole …
Quello che era un forte sospetto, trova conferma da questi studi: il lavoro nero non è diminuito, mentre il super sfruttamento di lavoratori occasionali si incrementa.

Triskel182

Lavoro

Il ministero del Lavoro rivela la dimensione del disastro: 1,4 milioni di persone pagate (poco) coi buoni orari. In molti prima avevano qualche forma di tutela, ora non più.

Si può provare a infiocchettarli in qualsiasi modo, ma i numeri sui voucher lavoro e sull’esercito dei super precari italiani non fanno che confermarsi a ogni aggiornamento: la Uil aveva raccontato quali fossero quelli del 2014, l’Inps aveva elaborato stime qualche settimana fa, la Reuters ne ha parlato oltreconfine come una “flessibilità spinta al limite”. E ieri è stato il turno del ministero del Lavoro nel report L’utilizzo dei voucher per le prestazioni del lavoro accessorio.

View original post 797 altre parole

Annunci

Autore: Pietro Barnabe'

Restauratore artigiano di: opere d'arte, arredi lignei fissi e mobili, materiale lapideo anche decorato e dipinto, materiale etnografico.

4 pensieri riguardo “La beffa dei voucher: così i precari Co.co.pro divennero ultra-precari (Virginia Della Sala)”

  1. Tra lavoro ripartito, intermittente e somministrato, si è creato un escamotage per aggirare le tutele raggiunte dopo anni di lotte di chi mi ha preceduto a lavoro. Non so cosa potrà succedere ulteriormente di peggio, perché mi sembra di rivedere quell’Italia, quella Francia di inizio Novecento dove eri poco più di un utensile e non un lavoratore.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...