Mi chiamo Maria

Essere Sinistra

Woman_on_the_cross_by_female11

.

di Ivana FABRIS

Mi chiamo Maria.
Mi chiamo Maria e sono legata qui, a questa sbarra. Le braccia allargate come fossi stata crocifissa.

Sono in ginocchio, nella polvere ormai bagnata dalle mie lacrime, dalla mia saliva, dalla mia urina, dal mio sangue.
Riesco ancora a sentirlo scendere copioso dalle mie natiche fin giù, giù lungo le cosce, verso le mie ginocchia.

Lo sento sgorgare a fiotti. E’ caldo ma quando arriva a lambirmi le ginocchia è ormai freddo. Come il mio corpo, qui, nudo, esposto all’aria di questa notte di maggio in cui, ormai lo so, morirò.

La mia mente sta scivolando via, quasi non sento più il dolore. Quanto è stato atroce sentire attraversare il mio corpo da quella rigida asta di legno che mi ha trafitto le viscere, la mente, la vita.
Eppure era una notte così bella da trascorrere con i miei bambini. Che non rivedrò.

View original post 1.424 altre parole

Annunci

Autore: Pietro Barnabe'

Restauratore artigiano di: opere d'arte, arredi lignei fissi e mobili, materiale lapideo anche decorato e dipinto, materiale etnografico.

2 pensieri riguardo “Mi chiamo Maria”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...