Tag quote challenge – 2°

 

Secondo appuntamento con il TAG quote challenge, qui il primo; ringrazio nuovamente sabri090683 del blog Musica e parole per avermi invitato.

Le regole:3 giorni (non necessariamente consecutivi);

3 citazioni;

3 nomine.

c0018-alberoGranon alberoampo di grano co

Il secondo argomento è l’approccio alla vita, come cerchiamo di comportarci, quali siano le linee guida, in altre parole, in nostro modello o, per gli anglofili, way of life.

Il primo intervento:

Una trottola, messa velocemente in movimento, mantiene il suo centro sempre pieno di calma: allo stesso modo, la calma interiore rende possibile una grande forza nell’azione. L’occhio del ciclone è sempre in pace. Calma e azione possono rappresentare la stessa cosa. Solamente quando noi manteniamo il punto e fondiamo mente e corpo, possiamo avere le maggiori possibilità, anche quando siamo impegnati. Conserva la mente calma e sarai capace di esprimerti al meglio delle tue possibilità: anche quando si presenterà un’emergenza, quando avrai da fronteggiare compiti molto importanti.
È di Toichi Tohei, dal libretto “Detti di ki”

Il secondo:

Quant’è bella giovinezza,
Che si fugge tuttavia!
Chi vuol esser lieto, sia:
di doman non v’è certezza
rinascimentale, è di Lorenzo de’ Medici. Riprende il carpe diem latino, cogli l’attimo, vivi ora che non sai che cosa può accadere domani.

Il terzo:

Cosa vuoi che sia qualche goccia di sangue o un osso rotto una volta ogni tanto? … non riuscivo a tener fermi i pensieri, e nemmeno i piedi. Bastava che vedessi qualcosa (…), ed ero già partita senza pensarci due volte. La voglia di esplorare ce l’ho nel sangue. (Edith Pattou)

Le nomine: come nel primo post, le salto essendo passato troppo tempo dalll’avvio del gioco e la mia risposta. Chi volesse cimentarsi e divertirsi, è il benvenuto.

Alla prossima 🙂

Pressenza – Il teatro come spazio dell’inclusione

Le potenzialità del teatro sono tantissime; segnalo questa intervista in cui si affronta la tematica dell’inclusione: un lavoro teatrale che vede l’integrazione anche di attori diversamente abili.

Qui di seguito la mia intervista con Nicole Hummel dell’iniziativa teatrale berlinese Thikwa. Quello che fin dall’inizio mi ha affascinato del teatro Thikwa, è il suo lavoro teatrale secondo il principio dell’inclusione. Infatti, in questo teatro, artisti diversamente e normalmente abili lavorano insieme. ProMosaik si impegna a favore del concetto dell’inclusione di persone diversamente abili e […]

Sorgente: Pressenza – Il teatro come spazio dell’inclusione