Storia della critica d’arte: Aby Warburg e le origini dell’iconologia | Finestre sull’Arte

Ritengo Warburg uno degli storici d’arte più importanti; la sua continua ricerca di fonti che lo aiutassero a comprendere il periodo storico in cui furono concepite le opere d’arte e la conseguente cultura dell’artista ci è di grande aiuto nella comprensione delle stesse. Un esempio da imitare.

Agli inizi del Novecento, Aby Warburg inaugurò di fatto un importante filone della storia dell’arte: l’iconologia.

Sorgente: Storia della critica d’arte: Aby Warburg e le origini dell’iconologia | Finestre sull’Arte

oggi … allora

Ventotto anni prima, sempre l’11 settembre, gli Stati Uniti sollecitarono il golpe di Pinochet, che stroncò l’intero popolo cileno.

Per non dimenticare …

Benvenuti nel rifugio di Claudio

§ 

dell’anno 2001 ho già parlato a lungo, dell’auto attentato ignobile di cui tutti ormai saprete … ma c’è una altra ricorrenza triste in questo giorno …

523

§

Noi non dimentichiamo…. Salvador Allende.
Cile, l’11 settembre 1973, con un colpo di Stato le forze armate guidate da Augusto Pinochet, appoggiato dagli Usa, rovesciano il governo socialista di Salvador Allende, che muore durante l’assedio al palazzo presidenziale, dopo aver gridato attraverso Radio Magallanes le sue ultime parole: “Viva il Cile!, Viva il popolo!, Viva i lavoratori!”.
La giunta militare instaura un regime dittatoriale che resterà al potere per 17 anni, mentre il presidente deposto diviene un’icona, pur non esente da controversie. Il regime di Pinochet non trascura di trasferire nel proprio ricordo, tra le altre cose, omicidi e deportazioni di massa: sono circa diecimila i cileni torturati, e centinaia le migliaia di persone costrette all’esilio. La distruzione delle istituzioni democratiche è…

View original post 20 altre parole