Disabilità e diritti. I punti su cui l’ONU controllerà l’Italia

Lo sappiamo, in Italia l’assistenza a persone con malattie degenerative (speso legate all’età) o disabili è (quasi) del tutto a carico delle famiglie: ora se ne stanno accorgendo anche le istituzioni internazionali.
Auguriamoci che questo possa determinare un miglioramento delle condizioni familiari.

MetropoliZ blog

onu-comitato-famiglie-disabiliIl Comitato Onu per i Diritti delle Persone con Disabilità raccoglie ed ufficializza la denuncia del coordinamento nazionale famiglie disabili italiano

Il Comitato ONU per i Diritti delle Persone con Disabilità ha recentemente formalizzato l’impiego del rapporto ombra (Alternative Report) elaborato dal Coordinamento Nazionale Famiglie Disabili, pubblicandolo tra i documenti ufficiali dell’ONU, chiamata a monitorare l’Italia sull’applicazione della Convenzione stessa proprio nel corso del 2016.

Durante la 16° Sessione svoltasi a Ginevra il 24 e 25 Agosto 2016 era infatti apparso immediatamente evidente che le criticità denunciate dal Coordinamento Nazionale Famiglie Disabili erano entrate prepotentemente nell’agenda del Comitato ONU.

Tra queste fondamentale è apparsa la parificazione dei Caregiver Familiari(coloro che si curano in ambito domestico di congiunti non autosufficienti) ai familiari con disabilità che essi assistono (definiti nelle osservazioni conclusive del Comitato ONU testualmente «peers»), soprattutto riguardo le donne alle quali viene negato l’impiego nel mercato del…

View original post 292 altre parole

Annunci

Autore: Pietro Barnabe'

Restauratore artigiano di: opere d'arte, arredi lignei fissi e mobili, materiale lapideo anche decorato e dipinto, materiale etnografico.

10 thoughts on “Disabilità e diritti. I punti su cui l’ONU controllerà l’Italia”

  1. Articolo circostanziato, Pietro, ottimo.
    Certo che l’ONU sia stata chiamata a monitorare il nostro Paese la dice lunga..
    Ho una parente con una figlia Down.
    Finchè son vissuti in USa ( là la ragazza è nata) Dina, così si chiama, non presentava alcuna disabilità o deficit, da quando vive qua sembra “uno dei nostri Down”, è brutto dirlo ma è così Pietro!

    Liked by 1 persona

    1. Guarda, ho avuto ed ho esperienze di malattie degenerative; se non ci fossero associazioni specifiche (almeno a Bologna ne abbiamo) di volontariato, sarebbe una tragedia per i familiari. Tra l’altro le associazioni devono essere economicamente autosufficienti.
      Ciao

      Mi piace

          1. Caspiterina….
            Ho avuto tre situazioni nelle quali ho sperimentato dolorosamente..
            Una con mia madre ( cancro ed Alzheimer), una con mia suocera ( qualcosa l’hai letta nel mio blog principale), l’ altra con il fratello di mio marito ( adenocarcinoma).
            Pietro, io credo che uno Stato potrà dirsi civile solo se bada a a dare attenzione a questi grandi disagi sanitari o che coinvolgono gli anziani.

            Liked by 1 persona

          2. Purtroppo sono a carico della famiglia, … può succedere che i familiari si associno con medici volenterosi e competenti per alleviare il disagio dei malati. E’ il caso di iniziativa parkinsoniani a Bologna.
            Buona domenica.

            Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...