Piero della Francesca a Milano: quella “mostra” che mortifica la storia dell’arte – Finestre sull’Arte

Un ottimo articolo di valutazione sulla pratica assunta ormai a livello nazionale di estrapolare le opere d’arte dal loro contesto e spostarle da un luogo all’altro, come fossero figurine o titolo per attirare turisti. Il turista è meso al primo posto, e per soddisfarlo si rischia di sacrificare opere fragili, il cui spostamento potrebbe peggiorarne condizioni già in precario equilibrio di conservazione.

Riflessioni sulla mostra della Madonna della Misericordia di Piero della Francesca portata a Milano, a Palazzo Marino, per le festività natalizie 2016-2017.

Sorgente: Piero della Francesca a Milano: quella “mostra” che mortifica la storia dell’arte – Finestre sull’Arte

Della Robbia a stelle e a strisce – Finestre sull’Arte

Coi Della Robbia assurge a forma artistica “nobile”, pari a pittura e scultura, l’uso delle terrecotte. I loro colori e le invetriature ne fanno oggetti che anche i potenti apprezzano.

Recensione della mostra ‘Della Robbia. Sculpting with Color in Renaissance Florence’ (a Boston e Washington tra 2016 e 2017).

Sorgente: Della Robbia a stelle e a strisce – Finestre sull’Arte

Il trittico dell’Adorazione dei Magi di Joos van Cleve: un capolavoro fiammingo a Genova, restaurato – Finestre sull’Arte

Lo splendido trittico dell’Adorazione dei Magi di Joos van Cleve, nella chiesa di San Donato a Genova, è stato recentemente restaurato. Parliamo dell’opera in questo articolo.

Sorgente: Il trittico dell’Adorazione dei Magi di Joos van Cleve: un capolavoro fiammingo a Genova, restaurato – Finestre sull’Arte

WordPress, aggiornare manualmente.

Quando diventa necessario aggiornare manualmente wordpress?

Sui siti che wordpress offre gratuitamente, quelli per interderci con url xxxxx.wordpress.com, gli aggiornamenti di piattaforma avvengono autamaticamente e wp non lascia molte possibilità di intervento, se non la personalizzazione dalla bacheca e l’installazione di qualche plugin.

Se si acquista uno spazio web e vi si installa wp, possiamo agire manualmente direttamente sul server. Se poi succede che per qualche tempo non ci connettiamo alla bacheca e saltiamo qualche aggiornamento ci può succedere che quando decidiamo di aggiornare otteneiamo un messaggio di errore, che non ha i permessi per scrivere qualcuno dei file, e l’operazione fallisce.

Dopo aver verificato che i permessi dei file siano corretti e consentano la sovrascrittura, ci restano poche possibilità. Non dobbiamo disperare, ed una breve ricerca con google ci fornirà una soluzione attuabile: intervenire manualmente.

Innanzitutto dobbiamo recuperare i dati per la connessione via ftp che ci sono stati forniti dal provider all’avvio della fornitura,e ci conettiamo al server; per una connessione via protollo ftp che ci consenta di srivere e modificare i file sul server, possiamo utilizzare filezilla, oppure se preferiamo usare il browser, konqueror può fare al caso nostro, dove firefox o altri non permettono queste operazioni.

Le operazioni da fare.

Innanzitutto cerchiamo se esiste un backup, o lo creiamo, e lo scarichiamo; in caso di errori possiamo reinstallarlo e tronare alle condizioni iniziali. Proseguiamo:

  • disattiviamo i plugin installati;
  • scarichiamo l’ultima versione di wordpress e la scompattiamo (sul nostro computer): siamo alla versione 4.7. Avremo in locale i file che copieremo sul nostro server;
  • ora iniziamo con l’intervento vero e proprio: rimuoviamo dal server le cartelle wp-admin e wp-includes, lasciando intatta wp-content che è quella dove si trovano i file dei nostri articoli e le immagini caricate;
  • carichiamo sul server le cartelle wp-admin e wp-includes che abbiamo in locale;
  • ora carichiamo la cartella wp-content, sovrascrivendo quella presente sul server: ogni volta che ci chiederà di sovrascrivere un file, gli daremo l’ok;
  • da ultimo carichiamo tutti i file singoli che abbiamo nella cartella wp scompattata in locale, sulla cartella wp sul server, anche in questo caso gli diremo si sovrascrivere. Il file di configurazione wp-config.php che contiene i dati per l’accesso al database, resterà intonso.

In questo modo abbiamo aggiornato le cartelle di sistema di wp (wp-admin e wp-includes), e la cartella della configurazione personale /wp-content) in cui sono presenti plugin, temi, articoli, media …

Controlliamo se è presente un file nascosto .maintenance, se lo fosse, è da cancellare in quanto generato da un eventuale tentativo fallito di autoaggiornamento.

Ora chiudiamo il collegamento via ftp ed entriamo nel pannello di aministrazione del sito; potremmo vedere una finestra di dialogo che ci chiede di aggiornare il database, diamo l’ok e lasciamo eseguire e ci dovremmo trovare con il CMS WP ed il database MySQL aggiornati e funzionanti:

  • riattiviamo i plugin che avevamo disattivato.

 

La pagina da cui sono tratte le informazioni usate e riportate nell’articolo è qui.

Come suggerisce la stessa, aggiornare all’ultima versione è sempre conveniente: i filtri antispam, i meccanismi di sicurezza, sono manutenuti continuamente e le novità vengono inserite nelle nuove versioni.

 

Buon lavoro a tutti voi che leggete :).