Il Passante di Bologna, terza puntata: pettinare il verde, dipingere l’azzurro – Wolf Bukowski – Internazionale

Il racconto del Passante di Bologna si arricchisce di un terzo livello di privatizzazione. Il primo è nel rapporto ombelicale con Autostrade, che condiziona tutte le scelte sulla mobilità; il secondo consiste nella privatizzazione ed esternalizzazione del rapporto tra cittadini e amministratori; quello definitivo, raccontato in questa terza puntata, sta nella privatizzazione della politica ambientale, ridotta a semplice questione di consumi individuali. Leggi

Sorgente: Il Passante di Bologna, terza puntata: pettinare il verde, dipingere l’azzurro – Wolf Bukowski – Internazionale

Pressenza – Il bosco segreto delle streghe

Se avessi saputo che un posto di tale bellezza si nascondeva proprio a poca distanza da Torino, non avrei esitato a frequentarlo prima. L’ho scoperto durante una recente spedizione radiotelegrafica e mi è venuta voglia di raccontarvelo. Non avevo mai visto niente di simile in vita mia e, credetemi, la foto non è abbastanza per […]

Sorgente: Pressenza – Il bosco segreto delle streghe

Che sia pace

Alchimie

L’unica rivoluzione che si deve compiere è sulle coscienze, rinunciando all’individualismo e al menefreghismo. “I care” amava ripetere il da me amato Lorenzo Milani.

Secondo me, l’unica battaglia che non è più prorogabile deve essere combattuta rispondendo al Male con la solidarietà e la condivisione. L’edificazione di ponti e non di muri.

L’uomo si crede onnipotente? Che comprare all’impazzata sia etico?

La sottoscritta no !

Sobrietà possa essere la parola d’ordine di queste feste che vedono aumentare gli italiani che pranzano alle mense dei poveri.

p.s. il mio ultimo montaggio si fa forte delle parole prelevate da “La Via del Guerriero di Pace redatto da Dan Millman, conosciuto grazie a Veronica.

View original post

I sindacati europei bocciano il CETA

Stop TTIP Italia

logo-etuc_rvb1365593432

Anche la Confederazione Europea dei Sindacati (ETUC) chiede al Parlamento Europeo di respingere il CETA. Alcuni progressi sono stati fatti, si legge nella dichiarazione adottata il 15 dicembre al termine della riunione del comitato esecutivo. I nuovi impegni per la tutela su servizi pubblici, diritti del lavoro e ambiente, sono racchiusi in una dichiarazione interpretativa allegata al testo dell’accordo. Ma non è abbastanza per dormire sonni tranquilli: mancano rassicurazioni vincolanti sulla tutela dei servizi pubblici e l’implementabilità di misure a sostegno dei diritti del lavoro. Inoltre, l’ICS, la corte internazionale che dovrebbe dirimere le controversie tra investitori e Stati, privilegia ancora le grandi multinazionali e può essere utilizzata come strumento di intimidazione delle istituzioni democratiche. “Per questo – spiegano i sindacati – in linea con il parere adottato dalla Commissione Lavoro e Affari Sociali l’8 dicembre 2016, raccomandiamo al Parlamento Europeo di rinunciare a dare il suo consenso alla proposta di una decisione del Consiglio sulla conclusione…

View original post 13 altre parole

Pressenza – Dijsselbloem usuraio: niente bonus natalizio ai pensionati greci !

Lo stipendio che Jeroen Dijsselbloem percepisce come ministro delle Finanze olandese supera più di 212 volte quello del meglio pagato fra i pensionati greci che egli è determinato a privare del bonus natalizio. di Steve McGiffen (che si dichiara molto, molto indignato) l’originale è stato pubblicato il 17/12/2016 su Spectrezine   Ai pensionati greci con reddito inferiore […]

Sorgente: Pressenza – Dijsselbloem usuraio: niente bonus natalizio ai pensionati greci !