Valsusa: illegittimi gli arresti No Tav. la Cassazione rimette in libertà Nicoletta

Una bella notizia.

Rifondazione comunista dell'Umbria

di Ezio Locatelli*  – Adesso non ci sono più dubbi. Gli arresti domiciliari a carico di Nicoletta Dosio, arresti decisi dalla Procura di Torino, erano del tutto mancanti di fondamento giuridico, detto in altre parole erano una misura arbitraria, vessatoria, priva di qualsiasi ragion d’essere. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione che in ragione di ciò ha provveduto anche ad annullare le varie ordinanze applicative delle varie misure restrittive poste a carico di Nicoletta e di Fulvio, altro attivista NoTav. La disobbedienza di Nicoletta portata vanti in questi mesi sottraendosi a misure restrittive illegittime  – la sua “evasione” dichiarata, esibita –  ha sortito un risultato importante: la demistificazione e l’annullamento di provvedimenti intimidatori rivolti contro la lotta portata avanti dal  movimento NoTav in Val Susa . La Procura di Torino si faccia un esame di coscienza sulla linea di condotta repressiva portata avanti in tutti questi anni nei confronti del  movimento Notav.  Da oggi…

View original post 45 altre parole

Annunci

Gianluca Varisco nel Digital Transformation Team

Cresciuto nel mondo opensource, è approdato ad un incarico importante.

Gianluca Varisco ha assunto il ruolo di consulente speciale del Digital Transformation Team del Governo italiano per la Cybersecurity.

Sorgente: Gianluca Varisco nel Digital Transformation Team

La natura del populismo del M5s – La Città Futura

Un’analisi piuttosto accurata ed esaustiva sul movimento 5 stelle, le sue potenzialità, i suoi limiti e le prospettive di rinascita per un movimento di sinistra radicale.

Sorgente: La natura del populismo del M5s – La Città Futura

Ai Weiwei a Palazzo Strozzi: la mostra di un Michelangelo moderno? – Finestre sull’Arte

Recensione della mostra ‘Ai Weiwei – Libero’, a Firenze, Palazzo Strozzi, dal 23 settembre 2016 al 22 gennaio 2017.

Sorgente: Ai Weiwei a Palazzo Strozzi: la mostra di un Michelangelo moderno? – Finestre sull’Arte