Il silenzio dei violini

Bambole Spettinate Diavole del Focolare

I violini smettono di suonare, il fuoco si spegne, il canto cade nel fango. Una parola aleggia nell’aria, spettro dimenticato, quasi impercettibile, solitario. Porrajmos.
Così viene chiamato il genocidio nazista di Rom e Sinti.
Porrajmos, che in romanes significa letteralmente “grande divoramento”, altrimenti detto Samudaripen, “tutti morti”.
Un termine semplice, ricoperto di polvere e amnesia. Facile da dire, ma, a quanto pare, difficile da ricordare.

View original post 1.935 altre parole

Annunci

Autore: Pietro Barnabe'

Restauratore artigiano di: opere d'arte, arredi lignei fissi e mobili, materiale lapideo anche decorato e dipinto, materiale etnografico.

6 thoughts on “Il silenzio dei violini”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...