Internet è il nuovo muro della street art? | L’indiscreto

HyperHouse

Su L’Indiscreto un lungo articolo sulla Street Art; uno stralcio:

In un articolo uscito qualche settimana fa mi interrogavo su un dettaglio un po’ strano del graffitismo contemporaneo, cioè che spesso le opere inglobano elementi dello spazio architettonico come finestre, porte e comignoli. Ho il dubbio che questo stretto rapporto con lo spazio sia anche un modo per rendere le opere apprezzabili attraverso le foto. Grazie all’inclusione di una finestra o di altri oggetti di dimensione standard il graffito può essere osservato senza perdere un aspetto fondamentale delle opere murali: le dimensioni. Senza queste “inclusioni architettoniche” il graffito, immortalato in foto, apparirebbe senza termini di paragone utili a permettere di immaginarne le dimensioni, e finirebbe per non essere troppo diverso da un’illustrazione o da un disegno qualsiasi.

La mia ipotesi non è che questo stratagemma sia una fregatura, non credo che i graffiti non meritino più di essere considerati “di…

View original post 241 altre parole

Annunci

I grandi dell’arte – Scultura – Le astrazioni geometriche di Lynn Chadwick

Barbara Picci

Lynn Chadwick Lynn Chadwick

Ve lo confesso, avrei voluto vivere l’arte del 900. Questa consapevolezza, unita a non poco rammarico, sta diventando sempre più forte, soprattutto quando mi imbatto in scultori come l’inglese Lynn Chadwick (1914 – 2003).
Lynn ChadwickLe sue astrazioni geometricamente ispirate che riproducono animali, insetti e uomini, sono pura poesia per i miei occhi per cui ho deciso di mostrarvi le sue opere nonostante non siano contemporanee.
Dopo essersi laureato in architettura, l’artista inizia a produrre le sue prime sculture nel 1945, dopo aver fatto ritorno dalla guerra. I suoi primi esperimenti, i mobiles, sono parzialmente influenzati dall’americano Alexander Calder. Dopodiché inizia a creare le balanced sculptures (sculture in equilibrio) e i profili geometrici in ferro e vetro, in cui dà sfogo a tutta l’inquietudine post bellica.
Lynn ChadwickIl critico Herbert Read, scrivendo agli inizi degli anni ’50, si riferiva proprio a lui parlando della “geometria della…

View original post 72 altre parole