Per una Manifestazione nazionale unitaria per la Cultura e il Lavoro

Emergenza Cultura

Il settore culturale muove 250 miliardi, il 17% del PIL, in controtendenza rispetto a molti altri; ogni euro investito in Cultura ne produce 1,8 in altri settori; la tutela del Patrimonio Culturale e della produzione culturale immateriale è principio fondamentale per il nostro Paese, contenuta nell’articolo 9 della Costituzione, che all’art.1 si fonda sul Lavoro. Eppure:

  • –  L’occupazione nel settore culturale non cresce, fatto reso possibile dal sistematico utilizzo di lavoro nero o gratuito.
  • –  I diritti e gli stipendi dei lavoratori della Cultura vengono di anno in anno abbattuti.
  • –  Un settore chiave dell’economia italiana viene pezzo per pezzo privatizzato, sulla pelle dei lavoratori, senza alcun vantaggio per la cittadinanza.Per questo il 6 ottobre 2018 scendiamo in piazza. Ecco le nostre ragioni e le nostre richieste.Siamo professionisti dei Beni Culturali, siamo professionisti dello spettacolo dal vivo, e del cinema, siamo autori, operatori, tecnici, custodi, siamo aspiranti professionisti e siamo soggetti…

View original post 1.351 altre parole

Annunci

Lotta di classe, mormorò lo spettro. Lenin immigrazione lotta di classe / 2

Marx e i marxisti hanno sempre tenuto una linea internazionalista, antirazzista, no border, per l’unità dei lavoratori. Lenin immigrazione lotta di classe.

[…] Marx ed Engels dedicarono la loro vita alla costruzione di partiti, movimenti e organizzazioni internazionali di ispirazione, indovinate un po’, marxista. Tuttavia, non ebbero mai cariche pubbliche, non erano neanche consiglieri di condominio. Il primo marxista che conquistò il potere politico alla testa di una rivoluzione per più di qualche giorno fu Lenin. Da questo punto di vista, le sue opinioni sul tema dell’immigrazione sembrano più rilevanti per capire come mettere in pratica l’internazionalismo su questo tema in termini di programma politico. […]

Come dovrebbe essere noto, Lenin fece parte della Seconda Internazionale (la Prima si era sciolta nel 1876-’77), all’interno della quale rappresentò l’ala più a sinistra. Si scontrò con la linea dominante nell’organizzazione fino a rompere completamente con i maggiori partiti che ne facevano parte e che distrussero l’Internazionale allo scoppio della Prima Guerra Mondiale. La ragione fondamentale della rottura potrebbe essere descritta, in termini odierni, così: la gran parte dei partiti socialisti assunse posizioni sovraniste, di appoggio alla propria borghesia nazionale contro le altre nella Grande Guerra.

Contro questo che Lenin vedeva come un tradimento dell’internazionalismo marxista, venne in seguito fondata la Terza Internazionale ovvero l’Internazionale Comunista con sede a Mosca.

Molto prima di questa rottura, nell’agosto del 1907, la Seconda Internazionale tenne un suo congresso mondiale a Stoccarda. Lenin scrisse un rapporto dal congresso nel quale si intravedono i prodromi della futura degenerazione sovranista dei grandi partiti socialisti. Per esempio, Lenin criticò con indignazione il tentativo, da parte di alcuni socialisti dei Paesi imperialisti più rapaci, di approvare una mozione che potesse giustificare qualsiasi forma di colonialismo (fosse pure “colonialismo socialista”). […]

Un’altra discussione in cui emersero posizioni confuse, in questo caso sconfitte a larghissima maggioranza, fu quella sulla questione femminile e in particolare sul diritto di voto: una posizione minoritaria sosteneva, sulla base di sofismi tattici, che bisognasse prima combattere per il suffragio maschile e poi per quello universale. Va citata per ricordare che nella storia del movimento socialista e comunista non si è mai disdegnata la lotta per i cosiddetti diritti civili, la cui denigrazione è invece un cavallo di battaglia di Diego.

Ma c’è un passaggio interessante nel rapporto di Lenin che riguarda proprio le migrazioni di lavoratori. Infatti, dal Partito Socialista Americano (che ci aveva già provato in combutta con gli australiani e gli olandesi al congresso precedente) era giunta una proposta di questo tenore: «Combattere con tutti i mezzi a propria disposizione l’importazione premeditata di manodopera straniera a basso costo, calcolata per distruggere le organizzazioni dei lavoratori, per abbassare il tenore di vita della classe operaia e per ritardare la realizzazione finale del socialismo.»

Il delegato americano Hillquit difese la proposta di restrizioni all’immigrazione prendendosela in particolare coi cinesi e altri popoli poco industrializzati «che non sono in grado di assimilarsi ai lavoratori del Paese di adozione». Sono le stesse fesserie che sentiamo dire oggi sugli africani o sui musulmani che non possono “integrarsi”. […]

Lenin torna più di una volta sul tema nei suoi scritti. Nel 1913 scrive un breve articolo concentrato soprattutto sull’immigrazione in America, ma che parla delle migrazioni di lavoratori in generale. Un’argomentazione spesso usata dagli xenofobi è che la sinistra anticapitalista non si rende conto che è proprio il capitalismo oggi a causare e organizzare le migrazioni. Ovviamente, ce ne rendiamo conto; il punto è che questo non è sufficiente a decidere come schierarsi. Ecco come invece pone la questione Lenin:

«Il capitalismo ha creato un tipo particolare di migrazione di popoli. I paesi che si sviluppano industrialmente in fretta, introducendo più macchine e soppiantando i paesi arretrati nel mercato mondiale, elevano il salario al di sopra della media e attirano gli operai salariati di quei Paesi.
[…] Non c’è dubbio che solo l’estrema povertà costringe gli uomini ad abbandonare la patria e che i capitalisti sfruttano nella maniera più disonesta gli operai immigrati. Ma solo i reazionari possono chiudere gli occhi sul significato progressivo di questa migrazione moderna dei popoli. La liberazione dall’oppressione del capitale non avviene e non può avvenire senza un ulteriore sviluppo del capitalismo, senza la lotta di classe sul terreno del capitalismo stesso. E proprio a questa lotta il capitalismo trascina le masse lavoratrici di tutto il mondo, spezzando il ristagno e l’arretratezza della vita locale, distruggendo le barriere e i pregiudizi nazionali, unendo gli operai di tutti i paesi nelle più grandi fabbriche e miniere dell’America, della Germania, ecc.»

Senz’altro è un pensiero più complesso dei memi razzisti e dei post di Salvini: è un pensiero dialettico. Lenin dice al tempo stesso che emigrare è tremendo, che l’immigrazione è un’occasione di business schifoso per i padroni, eppure ritiene che le migrazioni abbiano un significato progressista e addirittura rivoluzionario. E come chiama quelli che rifiutano quest’ultima verità? Reazionari. Cioè, diremmo oggi, fascisti o qualcosa del genere. […]

Sorgente: Lotta di classe, mormorò lo spettro. Lenin immigrazione lotta di classe / 2

GAZA. La grande marcia prosegue. Reportage fotografico dal confine di Al Bureji – Pressenza

La giornata di ieri è stata meno cruenta delle precedenti. I cecchini hanno sparato lo stesso e i tear gaz venefici hanno comunque riempito l’aria, ma i feriti lungo tutto il confine sono stati “appena” 206 tra cui alcuni bambini e un giornalista palestinese, uno di quei volontari dell’informazione che ancora credono che il giubbetto con la scritta PRESS sia una garanzia e non un target.

Avrebbero ragione se Israele rispettasse la normativa internazionale, ma Israele lo dimostra da quando è stato fondato e lo afferma anche esplicitamente che non intende rispettare la legalità internazionale. Sappiamo anche che seguiterà a non farlo visto che non ha mai subito sanzioni per questo ma tutt’al più “severi rimproveri”.

Ha distrutto decine di ambulanze in reiterate occasioni, ucciso medici e paramedici oltre che giornalisti, ma c’è ancora chi crede di essere protetto dalla scritta press sul giubbetto e sul casco come ci dicono questi giornalisti intervistati nell’accampamento in fronte al confine di Al Bureji a est di Gaza.

Sorgente: GAZA. La grande marcia prosegue. Reportage fotografico dal confine di Al Bureji – Pressenza

Lotta di classe, mormorò lo spettro. Marx immigrazione falsificazione / 1

Uno spettro ci porta in volo nei luoghi della lotta di classe, dove si vede che i discorsi “marxisti” anti-immigrati non sono marxisti e ingannano i lavoratori.

Una lettura da non perdere … una citazione:

Marx, invece, introduce un’idea più sofisticata: è lo sviluppo stesso del capitale, in un’economia di mercato, a generare automaticamente una sovrappopolazione relativa, ossia una certa quantità di forza-lavoro disponibile a essere impiegata nella produzione ma che è tenuta a riposo. Questa sovrappopolazione relativa, cioè i disoccupati (e gli inoccupati), va a costituire una sorta di “riserva” nell’«esercito» dei proletari usato dalle aziende. Come la riserva di un vero esercito, può essere mobilitata alla bisogna, e questa necessità si verifica periodicamente perché il capitalismo ha un andamento ciclico (espansione-crisi-ripresa) e perché per sua natura continua a rivoluzionare le proprie tecniche produttive e a spostare forza-lavoro tra diversi settori produttivi o verso nuovi settori che si inventa. Se il capitalismo dovesse aspettare la nascita di nuovi operai e il loro raggiungimento dell’età lavorativa ogni volta che ha bisogno di nuove reclute, andrebbe in rovina: deve poterne trovare subito, così come deve molto rapidamente potersi liberare dei salariati in eccesso quando è il caso.

L’idea di Marx che nel capitalismo ci sia una disoccupazione fisiologica, che non c’entra con l’andamento demografico, è nel frattempo diventata mainstream e anche gli economisti borghesi parlano di disoccupazione naturale e disoccupazione ciclica.

Leggerlo prima di citarlo mentula canis

Sorgente: Lotta di classe, mormorò lo spettro. Marx immigrazione falsificazione / 1

Il ministro della paura

Il panico sociale genera mostri e introduce politiche autoritarie. Basta cavalcarlo per costruire capri espiatori e nemici (interni ed esterni) contro cui indirizzare la rabbia sociale prodotta dalla crisi. È questa l’opzione della destra del nuovo millennio. In Italia il principale interprete ne è Salvini, il “ministro della paura”.

[…]

Salvini è, anzitutto, un predicatore d’odio. Non un alieno in felpa e camicia verde (sebbene di apparenti alieni in camicie di diverso colore sia piena la storia del Novecento). È l’interprete italiano di un vento di destra che, con diverse modalità e in modo non uniforme, attraversa l’Europa e gli Stati Uniti. Un vento provocato dalla sempre più marcata ed esibita sottrazione ai cittadini della possibilità di decidere della propria vita e del proprio futuro, rimessi alle scelte dei cosiddetti poteri forti (economici e sovranazionali). Fino a che il sistema funziona, questa cessione coatta di sovranità e di diritti viene più o meno accettata. Ma quando la crisi morde, dimostrando che quei poteri, oltre ad essere rapaci, non assicurano un minimo di equità sociale, allora emergono le pulsioni tipiche della destra profonda: i nazionalismi, le chiusure identitarie, il razzismo. Che, a loro volta, producono capri espiatori e nemici (interni ed esterni) contro cui indirizzare la rabbia sociale, distogliendola dai veri responsabili. È ciò che sta accadendo nel Paese e a cui dà voce Salvini, fedele incarnazione del “ministro della paura”. Superfluo aggiungere che l’importante non è la verità delle situazioni evocate, ma la loro capacità di creare paura. Anche perché i nemici immaginari sono meglio di quelli reali (che potrebbero anche reagire…).

Ma a spiegare la situazione italiana e il successo di Salvini non c’è solo questo.

Salvini è tra i nostri politici, per calcolo o per istinto, il più abile nell’uso del sistema della comunicazione. I suoi temi sono, da sempre, gli stessi. Ripetuti in modo ossessivo e con un linguaggio truculento ma diretto: quello, appunto, che la parte insoddisfatta del Paese vuole sentire. Per questo i suoi discorsi, amplificati da media in cerca di audience, fanno presa. […]

Sorgente: Il ministro della paura

La svolta razzista

I numeri, anche quelli provenienti dal Ministero degli interni, mostrano che le politiche di rifiuto e di allontanamento dei diversi rilanciate dal ministro Salvini non hanno alcuna seria base nell’entità dei flussi migratori, ma sono frutto di una vera e propria svolta razzista. Saperlo non è la soluzione del problema ma un punto di partenza necessario.

Sorgente: La svolta razzista

Donne dal trucco sobrio e uomini depilati: cosmesi, makeup e bellezza nel mondo degli etruschi

Donne che utilizzavano un trucco sobrio ed elegante, uomini che si depilavano e frequentavano istituti di bellezza: scopriamo il mondo della cosmesi, del makeup e della bellezza secondo gli etruschi.

Tra i personaggi che partecipano al banchetto raffigurato sulle pareti della Tomba degli Scudi a Tarquinia, è possibile osservare alcune eleganti signore che sfoggiano curatissime chiome bionde, che contrastano con le loro sopracciglia scure. Figure simili si ritrovano in altri affreschi etruschi, e si può partire da questo dettaglio per intraprendere un viaggio nella cosmesi degli etruschi: gli etruschi, infatti, passavano moltissimo tempo a curare il loro corpo e la loro immagine, e ci sono giunte moltissime testimonianze che possono confermarci quanto gli etruschi tenessero al proprio aspetto. Osservando le chiome bionde delle signore di Tarquinia, alcuni studiosi hanno ipotizzato che presso gli etruschi vigesse l’abitudine di… “ossigenare” i capelli: probabilmente, ha ipotizzato l’etruscologo Arnaldo D’Aversa, le donne etrusche facevano uso di liscivia, una soluzione liquida a base di cenere e acqua che in antico veniva usata come detergente, per pulire gli ambienti oppure per l’igiene personale. Date le sue proprietà sbiancanti, alcune popolazioni la utilizzavano per lavare o per tingere i capelli: l’uso della liscivia è noto presso gli antichi greci proprio come antenata del moderno shampoo, mentre la pratica di “ossigenare” i capelli era tipica, per esempio, dei galli, come attesta Plinio nella sua Naturalis historia, sostenendo che “il sapone” (Plinio, per la prima volta, utilizza il termine sapo) era una “invenzione dei galli per rendere rossi i capelli”, che si otteneva “dal grasso e dalla cenere”, e che si presentava “in due modi, denso e liquido”.

Data l’estensione di questa moda presso gli etruschi (almeno a giudicare dalle testimonianze che ci sono arrivate), e dato che erano necessarie specifiche competenze per poter ottenere buoni risultati nell’operazione, si è ipotizzato che nell’antica Etruria fossero attivi dei veri istituti di bellezza, o quanto meno degli estetisti di professione, dato che, osserva lo studioso Giovannangelo Camporeale, sempre negli affreschi di Tarquinia anche gli uomini hanno delle chiome molto curate: capelli ricci e corti, tagliati alla stessa altezza, poco sotto la base del collo (e che non si trattasse di uno stereotipo dell’artista si può dedurre dal fatto che i personaggi, si osservino per esempio quelli della Tomba dei Leopardi, si contraddistinguono per alcuni, seppur minimi, elementi di caratterizzazione individuale). A dare in qualche modo conferma dell’esistenza di istituti di bellezza in Etruria è lo storico greco Teopompo, vissuto verso la metà del quarto secolo avanti Cristo e sempre molto severo nei confronti degli etruschi (è noto soprattutto per i suoi giudizi sprezzanti nei confronti delle donne etrusche). “Tutti i barbari che vivono ad occidente”, scriveva Teopompo, “si depilano usando pece e rasandosi con rasoi. Tra gli etruschi ci sono diverse botteghe con artigiani specializzati in questa attività, come da noi ci sono i barbieri. I clienti di queste botteghe si prestano a tutto e non hanno vergogna di chi li guarda o di chi passa di lì”. Interessante notare come l’etruscologo Massimo Pallottino abbia tradotto l’originale termine greco usato da Teopompo, “ergastéria” (letteralmente “botteghe”) con “istituti di bellezza”: evidentemente, se ci fossimo trovati a passare di lì, l’impressione che avremmo avuto visitando queste attività non sarebbe stata poi così diversa da quella degli odierni istituti di bellezza.

Sorgente: Donne dal trucco sobrio e uomini depilati: cosmesi, makeup e bellezza nel mondo degli etruschi