QA turismo cultura & arte-Coronavirus: la cultura non si ferma, la Campania tra arte e archeologia

16/04/2020 Filomena Merola

Sorgente: QA turismo cultura & arte-Coronavirus: la cultura non si ferma, la Campania tra arte e archeologia

QA turismo cultura & arte-Conseguenze della chiusura dei musei, primi dati in un sondaggio del Network of European Museum Organizations

15/04/2020 Ilaria Inchingolo

Sorgente: QA turismo cultura & arte-Conseguenze della chiusura dei musei, primi dati in un sondaggio del Network of European Museum Organizations

Decreto liquidità: così non va. Si cambi o l’Italia si ferma

Molto critico il nostro giudizio sul pacchetto di misure per il credito contenuto del decreto liquidità pubblicato oggi in Gazzetta Ufficiale. Il testo non soddisfa l’urgenza di mettere a disposizione di tutti gli operatori economici la minima liquidità necessaria a far fronte alle spese correnti che devono essere onorate per non far saltare tutta la catena dei pagamenti.

Senza liquidità non si potranno pagare stipendi, affitti, fornitori mettendo in crisi famiglie e altre imprese

L’automatismo introdotto per la concessione della garanzia, infatti, non assicura neanche per gli importi inferiori a 25mila euro la concessione di credito bancario; lasciando, di fatto, la valutazione del merito di credito, della durata e delle condizioni applicabili in mano alle banche.

https://www.cna.it/decreto-liquidita-cosi-non-va-si-cambi-o-litalia-si-ferma/

Dall’erosione al crollo: i pericoli della cultura gratis

La miriade di contenuti gratuiti durante la pandemia potrebbe essere il canto del cigno per un settore che è sopravvisuto a malapena alla crisi del 2008.

Sorgente: Dall’erosione al crollo: i pericoli della cultura gratis

Il coronavirus sui media. La sovraesposizione dei virologi e l’assenza di un approccio umanistico

Il racconto di questa pandemia ha sovraesposto i virologi e manca di un approccio umanistico? Qualche spunto di riflessione sull’argomento.

Sorgente: Il coronavirus sui media. La sovraesposizione dei virologi e l’assenza di un approccio umanistico