Laboratorio di restauro – Problematiche tecniche e legali di restauro, conservazione e manutenzione di opere d’arte ed arredi artistici

Gli interventi sono stati eseguite su macchine collocate all’aperto. L’esposizione a raggi solari ed intemperie, prolungatasi nel tempo, aveva conseguito un pessimo stato di conservazione di queste. Incrostazioni di ossido, sporco e grasso erano presenti sulle superfici e negli ingranaggi; le parti in legno si erano degradate al punto da provocare rotture in alcuni punti, attacchi di insetti xilofagi e habitat preferito per altre specie: muffe e licheni erano individuabili su quasi tutte le superfici del carro.

Sorgente: Laboratorio di restauro – Problematiche tecniche e legali di restauro, conservazione e manutenzione di opere d’arte ed arredi artistici

Annunci

Il tesoro a pedali: la bicicletta in mostra al Museo della Bilancia

A meno di un’ora di strada da Bologna, interessante questa mostra.
Grazie, condivido.

OggiScienza

CULTURA – La bilancia e la bicicletta hanno in comune una sola caratteristica: per funzionare devono mantenere l’equilibrio. A suggerirci come fare è la mostra temporanea “Il tesoro a pedali”, che dall’ottobre scorso fino a luglio 2016 è ospitata dal Museo della Bilancia di Campogalliano.

Città della bilancia dal 1860, Campogalliano ha una lunga tradizione legata alla costruzione di strumenti di precisione. Questa piccola cittadina tra Reggio Emilia e Modena conta meno di 9000 abitanti e ben 5 aziende che producono strumenti di precisione. La necessità di usare bilance per la vita rurale e lo sviluppo di questa tecnologia proprio in quest’area geografica hanno reso quasi naturale l’istituzione del museo, avvenuta nel 1983. Oggi la collezione del museo conta più di 1000 oggetti tra bilance e altri strumenti di misura, che provengono da tutto il mondo e che coprono una storia di 2000 anni. Il pezzo più antico è una stadera romana, quello…

View original post 485 altre parole

Restauratori e Beni Culturali.

Ripropongo uno scritto di qualche mese fa, inerente a tematiche presenti, non risolte, che influiscono negativamente sull’andamento delle imprese che si occupano di restauro, manutenzione e conservazione di beni culturali e rilevanza storica.

È il primo della serie.

Problemi che affrontano le imprese artigiane che si occupano di restauro di Beni culturali ed opere d’arte.

Sorgente: Restauratori e Beni Culturali.

Il legno, … in esterno – Restauro di beni culturali.

I trattamenti di finitura del legno, in particolare per attrezzature e macchine lignee da conservare in esterno o dietro a vetrate.

L’ultimo articolo dedicato al restauro del legno; una trattazione superficiale e semplificata, esauriente degli argomenti.

Buona lettura 🙂

Sorgente: Il legno, … in esterno – Restauro di beni culturali.

I gioielli dei portici

VENERDI’ 4 DICEMBRE alle ORE 18,00 
 
all’interno della mostra fotografica 
I GIOIELLI DEI PORTICI
presso la Sala Esposizioni del Quartiere
in via S.Stefano, 119
 
la curatrice Emanuela Zanon e Leonardo Dingi terranno una conferenza in cui si parlerà della storia, delle tecniche, delle leggende che hanno portato i maniglioni da portone (picchiotti) ad essere una delle eccellenze mondiali della nostra città. 
 
Sarà anche l’occasione per vedere le belle foto di Roberto Capatti in mostra.
 
Augurandomi di vedervi numerosi, vi saluto cordialmente. 
 

Manutenzione e conservazione delle opere: esposizione all’interno.

Articoliamo l’applicazione delle indicazioni espresse nella pagina precedente:

– verifica delle condizioni espositive, con i vari controlli ambientali, periodici;
– scelta delle condizioni materiali dell’esposizione.
Importante é porre attenzione alle condizioni espositive;
le vetrine, o scaffali, in cui alloggiare gli oggetti devono essere stabili, ben ancorate a terra, predisponendo protezione dalle possibili vibrazioni e con chiusure pratiche, sicure, ma facilmente apribili all’occorrenza;
Come abbiamo visto polveri ed altri agenti patogeni non devono essere a contatto con le opere, quindi, qualora non sia possibile collocarli in spazi chiusi e sigillati, va organizzato un piano di inteventi di spolveratura costante e puntuale.
L’illuminazione deve essere valutata per i singoli oggetti, affinchè nessuno di essi sia sovraesposto, ed allo stesso tempo non deve essere fastidiosa per chi volesse ammirare l’esposizione.
Porre attenzione ad una temperatura stabile, senza sbalzi significativi, quindi sono da collocare tenendo presente la posizione dei dispositivi di riscaldamento/raffreddamento, onde ottenere livelli di temperatura ed umidità relativa costanto o compresi in range piuttosto ristretti ed ottimali per la conservazione delle opere. Per raggiungere lo scopo, ci si deve avvalere anche di deumidificatori ed umidificatori.
Nel caso di teche o vetrine chiuse, i controlli microclimatici sono da effettuare all’interno, ed é importante valutare anche la circolazione dell’aria.
Il materiale con cui realizzare le strutture di contenimento va scelto con cura, in funzione dei materiali delle opere contenute.
Scaffali in legno possono essere veicolo di agenti infestanti, batteri, virus, insetti per gli oggetti lignei; il vetro nella maggior partre dei casi ovvierebbe a questi problemi, ma potrebbe generare condensa nella parte inferiore delle basi.
Appoggiare gli oggetti su centrini o tessuti, eviterebbe le potenziali condense, ma potrebbe contribuire agli accumuli di polvere.
In tutti i casi la struttura espositiva é da considerare in base agli oggetti esposti; potrebbe essere utile anche l’utilizzo di gel di silice, igroscopico.