“Il desiderio dell’alchimista”: ricette di salute e bellezza di Caterina Sforza | Finestre sull’Arte

L’alchimia esprimeva una componente della conoscenza scientifica rinascimentale; dalla sua conoscenza nascevano anche prodotti e tecniche cosmetiche. Un esempio è in questo articolo che ci descrive come Caterine Sforza alla fine del XV secolo avesse elaborato una serie consistente di ricette e prodotti di bellezza.

Caterina Sforza raccoglieva ricette di salute e bellezza, per esempio per truccarsi: ne parla Meredith Ray in questo articolo tradotto da Ilaria.

Sorgente: “Il desiderio dell’alchimista”: ricette di salute e bellezza di Caterina Sforza | Finestre sull’Arte

Annunci

Ti tengo d’occhio

Un’attività, questa, utilissima.
Buona lettura :).

OggiScienza

santa_maria_di_leuca_2306SENZA BARRIERE – Per alcuni è il “Don Chisciotte della rete”, per altri un vero e proprio ragazzo prodigio. Parliamo di Vincenzo Rubano, studente leccese, classe ’93, che da anni si batte per rendere i contenuti presenti in rete accessibili a tutti, con un’attenzione particolare verso chi non può vedere.

“Tutto è cominciato quando ero sedicenne, sui banchi di scuola dell’istituto Galilei-Costa di Lecce”, racconta Rubano che oggi di anni ne ha ventuno, studia Informatica a Bologna e non ha mai abbandonato la sua missione. “Sperimentando in prima persona la disabilità, so bene quali siano i limiti della rete per i non vedenti. Così, ho deciso di creare una pagina di denuncia per portare il problema all’attenzione di tutti”. In questo modo Rubano segnala i siti, le app e i programmi inaccessibili, inserendoli in una vera e propria lista nera: la “Blind-list”, pubblicata sul sitoTi tengo d’occhio.

Ma l’attività…

View original post 427 altre parole

Moda e caporalato. Matteo Ribon (CNA): “Veneto terreno fertile dell’illegalità”.

Alcuni dati sulla diffusione del lavoro nero; si parla del Veneto, ma la situazione non credo sia diversa nelle altre regioni del centro nord. Soprattutto, questo non rientra nella pratica del caporalato in agricoltura, ma danneggia allo stesso modo la nostra economia, sia di sviluppo nazionale, che le imprese che non possono essere competitive.
Buona lettura 🙂

Dimensione Mendez

“Quello del lavoro nero e dello sfruttamento delle persone nel settore della moda è un fenomeno che non fa rumore. Non emerge l’efferatezza tipica delle organizzazioni criminali, è più nascosto rispetto ai casi eclatanti di caporalato e schiavismo che, seppur anch’essi non senza fatica, esplodono drammaticamente in agricoltura. Eppure ce l’abbiamo sotto casa. Assieme a Toscana ed Emilia Romagna, il Veneto è una delle regioni più fertili perché qui il settore manifatturiero costituisce ancora una spina dorsale dal punto di vista produttivo e perché le evoluzioni del mercato, segnato dalla crisi, danno segnali che devono preoccupare e far tenere alta la guardia”.

Matteo Ribon è il segretario di CNA Federmoda Veneto. In questi giorni ha diffuso, attraverso il lavoro dell’Osservatorio ribon
permanente sulle dinamiche economiche regionali di CNA (la Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa), una serie di dati che, letti in un certo modo, devono appunto accendere…

View original post 1.042 altre parole

Il potere della lobby dell’industria automobilistica rende gli scandali inevitabili

Anche se sono informazioni conosciute, ripeterle è utile.
Buona lettura 🙂

http://vocidallestero.it/2015/10/13/il-potere-della-lobby-dellindustria-automobilistica-rende-gli-scandali-inevitabili/

Venezia vive anche grazie a Klimt e Chagall. Non certo grazie al suo sindaco

Un’analisi completa e pertinente la questione bilanci, Venezia e vendita di opere d’arte.
Buona lettura 🙂

Essere Sinistra

klimt

di Francesco BORGHESAN

Che un sindaco di una città d’arte definisca l’opera di Klimt “modernariato” e pensi che la sua città possa privarsene per ragioni economiche (queste le notizie a meno di smentite) trovo sia peggio della distruzione dell’arco romano a Palmira o dei Buddha di Bamiyan.

In questi ultimi casi , per quando abominevole e barbarico, nell’atto di distruggere vi è il riconoscimento dell’importanza dell’oggetto distrutto sia esso o di tipo religioso (iconoclastia) o di tipo culturale (io sono il nuovo e prima di me non vi deve essere memoria). Nel caso del Sindaco vi è il vuoto pneumatico dell’utilitarismo.

Nell’universo dell’utilitarismo, un martello vale più di una sinfonia, un coltello più di una poesia, una chiave inglese più di un quadro; perché è facile capire l’efficacia di un utensile, mentre è sempre più difficile comprendere a cosa possano servire la musica, la letteratura o l’arte” (Nuccio…

View original post 765 altre parole

Lo zampino di eBay nelle specie invasive

Un aspetto della comunicazione globale, poco conosciuto ed inquietante: la circolazione fuori controllo di specie vegetali invasive, ma anche animali e microrganismi loro connessi.
Buona lettura 🙂

OggiScienza

2574605536_fabe10c4d7_z

AMBIENTE – La palma di Fortune (Trachycarpus fortunei), le verghe d’oro (genere Solidago) e la balsamina (Impatiens glandulifera) sono piante ormai ampiamente diffuse anche in Europa ma arrivano dalla Cina, dalla Birmania, dall’Africa, dall’Himalaya. Giunte a noi come piante ornamentali si sono rapidamente trasformate in specie invasive, “scappando” in natura fino a minacciare, come succede oggi, la fauna nativa. Certo in quanto specie vegetali fanno meno notizia degli scoiattoli grigi che minacciano quelli rossi, dei gatti che sterminano la fauna selvatica o delle nutrie (al pari di quanto succede con il commercio illegale sul mercato nero) ma non per questo la situazione è meno spinosa.

Si parla di invasione biologica ed è in corso su ogni continente del nostro pianeta, incoraggiata soprattutto dal commercio che – complice Internet con le aste online – fa viaggiare specie invasive in giro per il mondo.

Per 50 giorni…

View original post 563 altre parole

C’è ancora vita in Grecia? I creditori tasseranno i disoccupati come “free-lancer” al 26% e con acconto di imposta

http://vocidallestero.it/2015/10/10/ce-ancora-vita-in-grecia-i-creditori-tasseranno-i-disoccupati-come-free-lancer-al-26-e-con-acconto-di-imposta/