Vocidallestero » Stiglitz: Per la Gran Bretagna meglio il Brexit del tossico TTIP

Stiglitz è un economista, non un politico; tuttavia le sue analisi ci aiutano a definire meglio quale possa essere la portata del TTIP se viene firmato.

Il sito di Russia Today riporta l’intervento di Joseph Stiglitz,  premio Nobel per l’economia, a un seminario organizzato dal Labour a Londra su temi economici.  Il rischio posto dal TT…

Sorgente: Vocidallestero » Stiglitz: Per la Gran Bretagna meglio il Brexit del tossico TTIP

Vocidallestero » The Guardian: La Commissione Europea Vuole Rinnovare la Licenza per l’Uso del Glifosato (il diserbante “probabilmente cancerogeno”)

Quando ad essere in gioco sono gli interessi economici delle multinazionali, si trova sempre qualcuno, nei veri governi, a dare una mano, anche se a farne le spese sono i popoli delle varie nazioni. È un caso in cui il parere dell’OMS non conta.

Un documento trapelato dalla Commissione Europea ed esaminato dal Guardian mostra come l’organo europeo abbia in programma di rinnovare la licenza per l’uso del glifosato, il diserbante…

Sorgente: Vocidallestero » The Guardian: La Commissione Europea Vuole Rinnovare la Licenza per l’Uso del Glifosato (il diserbante “probabilmente cancerogeno”)

Stop Ttip, la manifestazione spostata al 7 maggio. ‘Renzi acceso tifoso del trattato Usa-Ue’. Intervista (audio) a Monica Di Sisto – ControLaCrisi.org

Sorgente: Stop Ttip, la manifestazione spostata al 7 maggio. ‘Renzi acceso tifoso del trattato Usa-Ue’. Intervista (audio) a Monica Di Sisto – ControLaCrisi.org

Incontro Stop TTIP Italia – Boldrini: le richieste e gli impegni

Il comunicato stampa di Stop TTIP Italia, rilasciato dopo l’incontro con la presidente della Camera Laura Boldrini.
Buona lettura :).

Stop TTIP Italia

Incontro Stop TTIP Italia - Boldrini le richieste e gli impegni

La Campagna Stop TTIP Italia incontra la presidente della Camera Laura Boldrini. Avanzate sei richieste formali per aumentare la trasparenza e avviare un dibattito pubblico e a livello parlamentare. La presidente ha già chiesto misure per l’accesso dei membri del parlamento ai testi negoziali

(COMUNICATO STAMPA) Ieri un’ampia delegazione della Campagna Stop TTIP Italia ha incontrato la presidente della Camera, LauraBoldrini, per comunicarle le preoccupazioni della società civile in merito al TTIP, il Partenariato transatlantico sul commercio e gli investimenti in via di negoziazione tra Stati Uniti e Unione europea.

L’incontro istituzionale ha rappresentato un importante occasione per segnalare le numerose problematiche che attorniano i negoziati. La delegazione ha consegnato alla presidente Boldrini un dossier che riassume i potenziali impatti dell’accordo USA-Ue: dal rischio di abbassamento degli standard di qualità del cibo, dell’ambiente e della capacità regolatoria degli Stati membri – fortemente intaccata dal sistema di risoluzione…

View original post 285 altre parole

Vocidallestero » Il TTIP “Sa di Totalitarismo”, Parlamentare Tedesca Vede i Testi

Alcuni parlamentari hanno “accesso alla lettura” dei documenti che compongono il trattato TTIP; ma moltissime sono le limitazioni cui devono sottostare, e non possono riuscire ad averne una comprensione completa.

Questa la traduzione delle impressioni ricevute da una parlamentare Tedesca.

Buona lettura 🙂

Dopo le crescenti proteste sul TTIP è stato concesso ai membri del Parlamento nazionale tedesco di poter vedere i testi, previa richiesta e registrazione. Sputnik riporta l’esperienza di Katj…

Sorgente: Vocidallestero » Il TTIP “Sa di Totalitarismo”, Parlamentare Tedesca Vede i Testi

Due nuovi report sul TTIP: ISDS e Agricoltura

Due nuovi dossier su ISDS e impatto del TTIP nelle attività agricole sono stati pubblicati da STOP TTIP Italia.
Scaricabili da questa pagina;
buona lettura 🙂

Stop TTIP Italia

La campagna STOP TTIP Italia e Fairwatch pubblicano due nuovi dossier, relativi all’ISDS ed agli impatti del TTIP sull’Agricoltura.

“PATTO COL DIAVOLO” – Come e perché la clausola di protezione degli investimenti (ISDS) prevista nel TTIP minaccia la capacità di legiferare delle istituzioni, restringendo il perimetro della democrazia.

Dossier a cura della Campagna Stop TTIP Italia – Novembre 2015
Autori: Elena Mazzoni e Francesco Panié (Campagna Stop TTIP Italia) e con il contributo di Monica Di Sisto e Alberto Zoratti (Fairwatch)

Per scaricare il report sull’ISDS: https://stopttipitalia.files.wordpress.com/2014/02/nov-2015-isds_patto-col-diavolo-by-campagna-stop-ttip-italia.pdf

Il fattore “C”: rischi e opportunità nel TTIP per il settore agroalimentare europeo

Risposta “carte alla mano” a chi sostiene che nel TTIP non si discute di sicurezza alimentare, e per aprire un dibattito pubblico serio su export, import, indicazioni geografiche e consumatori

Dossier a cura di Fairwatch per la Campagna Stop TTIP Italia – Novembre 2015 Autori: Monica Di Sisto

Per scaricare…

View original post 4 altre parole

Migranti: il vertice della vergogna

“La montagna ha partorito il topolino”, e forse neppure quello … I nostri politici rinviano sempre la soluzione di qualsiasi problema; per loro è sufficiente fare incontri al vertice, foraggiare qualche “amico” estero e tornare a casa con proclami roboanti.
Peccato che le soluzioni prospettate da Renzi siano osteggiate anche in patria: l’agroalimentare viene sostituito dai prodotti delle multinazionali (OGM, TTIP), e la PMI sia sempre più soffocate e costretta a scomparire.
Buona giornata 😉

Essere Sinistra

migranti-vertice-la-valletta

di Riccardo ACHILLI

Si chiude a La Valletta il vertice sui migranti più vergognoso e fallimentare della storia europea.

Nessun accordo sulla redistribuzione dei migranti dai Paesi di prima linea, come il nostro, agli altri. Con Renzi, incapace di tutelare l’interesse italiano, che fa la consueta figura da cioccolataio, enunciando una teoria dello sviluppo dei Paesi africani da Expo 2015, basata cioè su agroalimentare e PMI.

Con Stati membri che prendono iniziative unilaterali, compresa la Svezia, nonostante il suo passato da Paese modello di accoglienza, che ripristina i controlli alla frontiera. Gli ungheresi che minacciano di dare fuoco ai migranti che la Germania dovesse respingere. La Slovenia che costruisce un nuovo muro.

View original post 253 altre parole